Governo, pressing M5s su Salvini: “Chiarisca rapporti con Arata, ci sono cose che non tornano”

Cresce il malumore nel Movimento 5 stelle per i presunti rapporti tra Salvini e il faccendiere Paola Arata, indagato nell'inchiesta che ha portato l'accusa di corruzione per il sottosegretario Siri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Salvini ha detto di non conoscere Arata e di averlo visto una sola volta nella vita, allora perché lo propose ai vertici di Arera? Perché gli lascio redigere il programma energetico della Lega? Perché condivise sul suo profilo ufficiale Twitter le proposte di Arata considerandolo un uomo della sua squadra? Perché si avvalse dell’intermediazione del figlio Francesco per incontrare Steve Bannon? E perché l’altro figlio di Arata, Federico, recentemente è stato assunto da Giorgetti a Palazzo Chigi? Qualcosa non torna, non capiamo quali siano i reali rapporti tra Arata, Salvini e la Lega”. Lo dicono fonti M5S.

LEGGI ANCHE: 

Caso Siri, dal M5S quattro domande alla Lega: “Rispondano o sottosegretario si dimetta”

M5S: “SE MARONI SA QUALCOSA VADA IN PROCURA”

“L’intervista rilasciata stamani da Maroni conferma che c’è un problema all’interno della Lega sul caso Arata-Siri. Ebbene, visto che Maroni indica il braccio destro di Salvini, Giorgetti, come il vero problema, allora gli chiediamo di andare in Procura, se sa qualcosa. Depositi tutto dai magistrati, lo faccia per il bene del Paese”. Lo dice il M5S in una nota.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

26 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»