Friuli Venezia Giulia

Ferrovie, consegnati i lavori per il raccordo Z.I. Aussa Corno

Binari_treniTRIESTE – Sono stati consegnati oggi a San Giorgio di Nogaro i lavori per il potenziamento degli impianti ferroviari a servizio della Zona industriale dell’Aussa Corno. E’ il primo cantiere aperto, a valere sul finanziamento di 19 milioni di euro complessivi dei Patti territoriali della Bassa friulana (Ptbf), di derivazione statale e sbloccati nel 2014, quando la Regione è subentrata al Consorzio Aussa-Corno nel ruolo di “soggetto responsabile” del Ptbf per la realizzazione degli interventi infrastrutturali.
I lavori consegnati oggi sono considerati prioritari in quanto consentono il miglioramento delle prestazioni del raccordo ferroviario ed il successivo innalzamento di categoria degli impianti ai fini dell’intermodalità strada/ferrovia. L’intervento, inoltre, garantisce continuità e maggiore sicurezza al traffico ferroviario nel suo complesso e risolve alcune criticità tecniche dell’attuale tracciato ferroviario.
I lavori sono stati aggiudicati per un importo di 875.233,66 euro, interessano un binario di 6,5 chilometri e prevedono la sostituzione di circa 2.800 traverse in legno con altre in cemento armato precompresso; il rinnovamento di circa 1,1 chilometri del binario di dorsale da “armamento 50Uni” con traverse in legno ad “armamento 60Uni”; il rinnovamento dei binari del “fascio Selvata” con ricambio totale delle traverse e reimpiego delle rotaie esistenti non usurate; il rifacimento di otto passaggi a livello (attraversamenti) con pannelli prefabbricati in gomma vulcanizzata; la sostituzione di uno scambio inglese doppio con un uno scambio semplice e la revisione di cinque scambi semplici.
Il cantiere si apre oggi a poche settimane di distanza dalla sottoscrizione del Contratto di raccordo, un accordo strategico tra Regione e Rete ferroviaria italiana (Rfi) che assicura la continuità nell’utilizzo del raccordo ferroviario a servizio della Ziac, evitandone la chiusura. Il Contratto di Raccordo definisce la gestione operativa, per il tramite del Consorzio Aussa-Corno, dell’impianto del raccordo base e garantisce una rapida realizzazione degli interventi ferroviari previsti dal Ptbf, tra cui proprio il potenziamento della dorsale ferroviaria a servizio della Ziac. I lavori consegnati oggi saranno completati in 90 giorni, mentre entro il prossimo 20 novembre tutti i lavori previsti nei Patti dovranno essere consegnati.
Per l’assessore regionale alle Infrastrutture e Territorio Mariagrazia Santoro si apre finalmente la stagione dei cantieri per la Zona industriale, a cui la Regione guarda per le potenzialità ancora in essere, indipendentemente dalle criticità che l’hanno investita negli ultimi anni e che faranno il loro corso. La Regione, è stato sottolineato, ha riattivato le risorse del Patto territoriale della Bassa Friulana, assumendo la responsabilità diretta della gestione del raccordo così come dall’escavo del fiume Corno, attualmente in corso a pieno regime.
Alla consegna dei lavori era presente Roberto Carollo, direttore lavori, che ha evidenziato come i lavori siano fondamentali per la messa in sicurezza del raccordo e il potenziamento dello stesso. Al termine del cantiere questo raccordo sarà uno dei primi in Italia con la tecnologia della nuove traverse ad assetto variabile in cemento precompresso.

26 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»