AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE mondo

Valanghe sull’Everest dopo il terremoto, 19 vittime al campo base

everestIl terremoto che ha colpito il Nepal ha causato due valanghe sul l’Everest. La prima, subito dopo il sisma, ha colpito il campo base causando 19 vittime. A seguito di una seconda scossa un’altra valanga ha colpito il campo base dell’Everest. È in corso l’operazione di evacuazione del campo base e dei campi uno e due, rispettivamente a quota 6000 e 6500. I feriti sono stati portati in elicottero a Periche, tappa del trekking che da Lukla porta all’Everest . A causa del brutto tempo non è stato infatti per ora possibile portarli a Lukla, in questo momento a ripreso a nevicare. Lo riferisce una nota di EvK2CNR.

Maurizio Folini, uno dei più esperti elicotteristi di alta quota è in partenza in queste ora dall’Italia, Domani sarà a Lukla. Sarà in costante contatto con la Piramide e l’associazione EvK2CNR per coordinare i recuperi. Sono infatti più di cento le persone che si trovano sulla montagna a campo uno e due. La via dell’Icefall da campo uno al base non è praticabile. In queste ora erano in corso i recuperi con gli elicotteri ma il tempo sta peggiorando.

Dorje Sherpa di EvK2CNR era presente al campo base fino a poco fa: “La grande valanga di ieri è stata causata da un enorme seracco caduto tra Lingtreen e Pumori. L’enorme blocco di ghiaccio è caduto per 800 metri causando anche caduta di massi e roccia. La maggior parte delle tende al campo base sono distrutte. A memoria degli sherpa non ce mai stato un evento simile al campo base, nel corso degli anni sono stati diversi crolli di ghiaccio ma mai cosi grandi. Normalmente cadono pezzi piccoli, l’energia del terremoto ha rotto il braccio di ghiaccio che teneva ancorato il grosso seracco al ghiacciaio sulla sella sotto il Lingtreen”.

Dorje sherpa sta ora rientrando alla Piramide. Il responsabile EvK2CNR a Kathmandu Hari Shrestha ci fa sapere che l’aereoporto è aperto e molti turisti sono in attesa di partire. Molti sono i voli in arrivo per i soccorsi dal Pakistan e dall’India mandano squadre con cani da ricerca.

26 aprile 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988