Estate in riviera, a Riccione la carica di 200 aspiranti stagionali

Oggi a Riccione il primo Working in Tourims, evento organizzato da Confesercenti e Cescot Lavoro per mette in contatto 50 imprese della Riviera romagnola con aspiranti lavoratori stagionali
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

RIMINI – La maggioranza è italiano, la metà è maschio, sono rappresentate più o meno tutte le età, e quasi il 50% ha un diploma. Sono le oltre 200 persone, provenienti da 11 regioni d’Italia e da Paesi europei ed extra Europa, che oggi sono a Riccione, in provincia di Rimini, che si candidano a un lavoro nel turismo nella riviera romagnola. Un numero dal quale si evince che per molte persone lavorare nel turismo nella costa romagnola rappresenti ancora un valore e una possibilità di impiego e arricchimento del proprio curriculum professionale. Lo si deduce dall’analisi dei profili dei tanti presenti al primo Working in Tourims, evento organizzato da Confesercenti e Cescot Lavoro, che mette in contatto con più di 50 imprese della riviera alla ricerca di personale in diversi profili aziendali.

Secondo i dati raccolti, chi ha inviato la propria candidatura e relativo curriculum, appartiene a tutte le fasce d’età: il 25% ha dai 30 ai 40 anni, il 22% dai 41 ai 50 e il 13% ha più di 51 anni. Son ben rappresentate, però, anche le fasce più giovani con poco più del 30% che ha dai 21 ai 30 anni (quasi un 12% che ha dai 21 ai 25 anni e poco più del 18% che ha dai 21 ai 25 anni) e un 9% dai 16 ai 20 anni. Quasi la metà (49,5%) possiede un diploma e poco più del 30% (30,9) una laurea triennale o del vecchio ordinamento, mentre quasi un 15% è in possesso della licenza di scuola media.

Passando alla nazionalità, l’82% delle persone provengono dall’Italia, con una folta presenza di romagnoli (67%) ma con provenienze da 11 regioni diverse; a questi si aggiungono un 16% di provenienza extracomunitaria e un 2% di provenienze da Paesi dell’Unione Europea.

Infine, appunto, la parità di genere assoluta con un numero identico di candidati maschi e femmine. “Le candidature ricevute- commenta Fabrizio Albertini, albergatore e vice-presidente di Assohotel Emilia-Romagna- ci fanno ben sperare sul fatto di riuscire a soddisfare le richieste di personale delle imprese turistiche della riviera e ci incoraggiano a proseguire nella strada che abbiamo intrapreso, come associazione, di cercare di favorire al massimo l’incontro fra domanda e offerta di lavoro in questo settore”. Si tratta di un servizio, conclude, “che intendiamo fornire agli associati in modo sempre più deciso, affiancando anche all’incontro, percorsi formativi qualificanti e azioni di orientamento efficaci”.

 

VIA STAGIONE, MA 83% AZIENDE TEME DI NON TROVARE ADDETTI

La stagione è alle porte, ma sulla riviera romagnola l’83% delle aziende in cerca di personale, secondo un sondaggio di Confesercenti-Assohotel, teme di non trovarlo. Un problema che si è presentato l’anno scorso e che per il 48% si ripeterà, mentre per un altro 48% la previsione è che queste difficoltà aumentino. Lo rivela appunto un’indagine delle associazioni di categoria presentata in occasione di Working in Tourism.

Secondo i dati raccolti, le difficoltà maggiori nella ricerca del personale riguardano la mancanza di competenze adeguate al lavoro che si dovrà svolgere (66% dei casi). Ma pesa anche la poca disponibilità ad affrontare orari di lavoro ‘atipici’ (come i week-end o le giornate festive che tocca il 52% dei casi). E ancora, c’è il problema di trovare persone motivate e interessate alla tipologia di lavoro offerto (48% dei casi), la poca esperienza (30% dei casi) o la poca disponibilità a svolgere le mansioni più ‘umili’ (27% dei casi).

A proposito di mansioni, quelle per cui le difficoltà nel reperimento sono maggiori, sono il personale addetto alla sala e al bar (66%), alla cucina (55%), ai piani (26%) ma anche alla spiaggia per quanto riguarda gli stabilimenti balneari (21%). Quanto allo strumento di ricerca e selezione del personale, secondo il sondaggio resta legato al classico passaparola da fonte di colleghi o parenti (87%), seguito da annunci e inserzioni sugli strumenti di comunicazione tradizionale (49%) e dalle associazioni di categoria e dei loro centri di formazione (34%). Un ruolo importante, tuttavia, lo giocano anche le autocandidature (32%) anche se quest’anno questo si dimostra un canale un po’ più ‘fiacco’ del passato. 

La difficoltà a reperire personale qualificato si rivela, comunque, un ostacolo serio allo sviluppo delle aziende (denunciato nel 26,4% delle imprese intervistate) anche se ha un peso di gran lunga inferiore al costo del lavoro troppo elevato (58,5%), dei costi di gestione troppo alti (54,7%), della troppa burocrazia (30,2%).

“La nostra riviera- afferma Filippo Donati, presidente di Assohotel Emilia Romagna- continua a rappresentare una formidabile opportunità in termini di occupazione, in particolare giovanile, ma occorre che lavorare nel turismo torni ad essere recepito come un valore e che si creino le condizioni per agevolare l’incontro fra domanda e offerta, in particolare verso le tante imprese a gestione familiare che rappresentano ancora la vera ricchezza della nostra realtà”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

26 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»