Alla Sioi con gli studenti: ‘Destinazione mondo’

'Destinazione mondo' è parte di un insieme di eventi che hanno l'obiettivo di orientare i giovani nelle carriere internazionali
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La cooperazione è un settore aperto a tutti”: lo ha sottolineato oggi Diego Battistessa, esperto di  cooperazione e docente di Studi internazionali a Madrid, intervenendo a ‘Destinazione Mondo’, incontro di orientamento alle carriere internazionali, con un focus su diplomazia e cooperazione negli scambi tra Italia e Usa organizzato a Roma dalla Società italiana per l’organizzazione internazionale (Sioi).

Secondo Battistessa, “non esiste un percorso senza ostacoli, è un percorso impegnativo, però esistono percorsi personali, e percorsi passanti per una formazione specifica”. L’esperto ha aggiunto: “Ci sono solo alcuni passaggi obbligatori da fare, come ad esempio, le esperienze all’estero”.

Intervistata dalla agenzia ‘Dire’, Sara Cavelli, direttrice della Sioi, ha sottolineato che con ‘Destinazione mondo’, giunta alla sua quindicesima edizione, si vogliono aiutare gli studenti rendendoli più consapevoli. “Abbiamo organizzato l’incontro anche quest’anno perchè è molto dispersivo riuscire ad ottenere informazioni per avviare una carriera diplomatica internazionale ed orientarsi”. Secondo Cavelli, “per i ragazzi è molto importante poter confrontarsi con esperti e funzionari che hanno giá avviato una carriera  diplomatica internazionale, oggi presenti qui”.

La questione del tema delle possibilità di scambio attraverso il metodo delle borse di studio è stato affrontato da Paola Sartorio, della Commissione per gli scambi culturali fra l’Italia e gli Stati Uniti. “Le discipline professionalizzanti sono diventate un mercato negli Stati Uniti, per fortuna ci sono vari modi per ottenere borse di studio” ha detto Sartorio. “L’istituto Fullbright aiuta gli studenti a riuscirci in più di un modo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

26 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»