Ostia, Zingaretti contro Suburra: “Basta raccontare devianze, ci sono esperienze meravigliose”

Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti inaugura la Palestra della Legalità ad Ostia.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non capisco perché si parla tanto e si fanno addirittura i serial tv sulla devianza giovanile, e non si accendono mai i riflettori su esperienze meravigliose come quelle dell’Ipab Asilo Savoia. E’ importante questa inaugurazione in particolare perché siamo a Ostia. Dobbiamo continuare a dare dei segnali, non è possibile che questa parte bellissima di Roma arrivi alle cronache solo per i fatti criminali. Noi qua siamo tornati sempre e vogliamo tornare sempre con messaggi positivi. Questo il senso di questa palestra”. Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, a margine dell’inaugurazione della Palestra della legalità ad Ostia.

OSTIA. ZINGARETTI: CON PALESTRA LEGALITÀ PORTIAMO UN PO’ DI FUTURO

“A Ostia stiamo portando un po’ di futuro. Sono contento che abbia aperto la facoltà universitaria alcuni mesi fa, l’Università del Mare, portando il sapere e la scienza, e prima ancora l’apertura ci un centro sulla ludopatia in una ex bisca. Quando ci sono problemi sui territori non bastano pacche sulle spalle ma bisogna essere presenti per creare futuro come questa iniziativa che sembrava un sogno invece ce l’abbiamo fatta. Ci sarà la fila per venire qui, la palestra è bellissima, e grazie a questo lavoro straordinario e con il talento e la tenacia è una palestra aperta soprattutto ai ceti popolari. Di questo c’è bisogno, è una sfida ma anche un segnale importante per Ostia”. Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti nel corso dell’inaugurazione della Palestra della Legalità ad Ostia.

“Tutto nasce da un episodio- ha raccontato Zingaretti- Una volta venni ad Ostia dopo la chiusura della palestra che apparteneva ad una famiglia criminale, un papà in un bar mi disse: ‘Mio figlio prima aveva la palestra, ora non la ha più’. Lì ho capito che bisognava fare qualcosa per dimostrare che la legalità è opportunità, censura, repressione, controllo e libertà del territorio, ma questo lo fanno le procure e le forze dell’ordine, mentre le istituzioni devono seminare e dimostrare che legalità è futuro, economia, sapere e scienza e, in questo caso, è vita. Ci siamo riusciti insieme a tanti anche grazie all’Ipab Asilo Savoia che è straordinaria e che qui, a Montespaccato e in molte altre occasioni, è una punta avanzata di quello che può essere la passione civile di un pezzo di Stato”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

26 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»