Dopo Montalbano Camilleri torna in tv: ecco 'La mossa del cavallo'

Costume e Società

Dopo Montalbano Camilleri torna in tv: ecco ‘La mossa del cavallo’

ROMA – Un poliziesco ambientato in Sicilia, il protagonista, però, non è Salvo Montalbano. Ma è sempre un romanzo di Andrea Camilleri, che anticipa: “vi troverete di fronte ad un ambiente totalmente diverso”. Questa sera, infatti, si volta pagina e andrà in onda, in prima visione assoluta su Rai 1 alle 21.25, il primo dei romanzi storici scritti dal maestro, ‘La mossa del cavallo‘, che “con buona pace di Montalbano, mi piacciono di più, ci tengo assai di più, si cambia atmosfera”. I romanzi, spiega Camilleri che ha curato la sceneggiatura della fiction, “sono ambientati nella seconda metà dell’Ottocento e affrontano a modo mio i problemi sorti dopo l’Unità d’Italia che ancora ci portiamo addosso” e avvisa gli spettatori: “sono preoccupato: ho paura che il pubblico”, abituato a Montalbano, “si disorienti” anche se “mi pare un’ottima edizione del mio romanzo”.

Michele Riondino torna nei panni di un commissario e come per Il giovane Montalbano viene diretto da Gianluca Maria Tavarelli

La sinossi

Siamo a Montelusa nel 1877. Il quarantenne Giovanni Bovara (Michele Riondino) è il nuovo ispettore capo ai mulini, incaricato di far rispettare l’invisa tassa sul macinato. Siciliano di nascita, è ormai ligure di adozione poiché da bambino si è trasferito con la sua famiglia a Genova. Ragiona e parla come un uomo del nord- Italia e non comprende le dinamiche mafiose e omertose che regolano la terra siciliana. La sua intransigenza gli procura subito diversi nemici. Le sue indagini lo portano a scoprire prima un ingegnoso sistema con il quale i mugnai vengono lasciati liberi di evadere la tassa sul macinato e poi l’esistenza di un mulino clandestino nel terreno dell’uomo più potente della città. A poco a poco le spire del “sistema” gli si stringono intorno e quando sopraggiunge per caso sul luogo dell’omicidio del parroco della città, Bovara si ritrova suo malgrado invischiato in qualcosa molto più grande di lui. In un complicato sistema di depistaggi e giochi di potere, i suoi avversari cercheranno di eliminarlo e sarà solo entrando nella mentalità dei suoi aguzzini e ricorrendo alle loro stesse strategie che Bovara riuscirà a salvare la propria vita. Ma la giustizia riuscirà a trionfare? (Fonte: www.palomaronline.com)

Camilleri confessa: “Non mi aspettavo tutto questo successo con Montalbano”

“Mi aspettavo un buon livello di ascolti, ma non tutto questo successo che francamente comincia a preoccuparmi: temo che qualcuno venga sotto le mie finestre gridando ‘Montalbano santo subito’ e allora mi preoccupo”, conclude lo scrittore siciliano.

26 febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»