AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE politica

Grillo incontra Mattarella: fermi prevaricazione del Governo

grillo casaleggio al quirinale“Oggi vi è stato l’incontro al Quirinale con il PdR Sergio Mattarella e la delegazione del M5S. L’incontro è stato cordiale e costruttivo e, da parte del M5S, si spera che in futuro ve ne siano altri. Al PdR è stato lasciato un breve documento riassuntivo delle nostre proposte che è riportato a margine di questo post”. Lo scrivono Beppe Grillo, Gianroberto Casaleggio sul blog del leader 5 stelle.

“Vogliamo ringraziare il PdR- aggiungono- per l’incontro, per la simpatia e per il permesso di portare al Quirinale una persona iscritta al M5S non eletta ancora in alcuna istituzione in rappresentanza di tutti gli iscritti ed attivisti che ogni giorno operano sul territorio per rendere migliore l’Italia. E’ la più giovane iscritta al M5S, è siciliana, nata nel 1996. Si chiama Maria Teresa. In alto i cuori”.

Sulla riforma elettorale, “al di là dei profili di incostituzionalità (rilevati puntualmente dal Gruppo Parlamentare ‘Movimento 5 Stelle’ in Senato con la presentazione di una Questione Pregiudiziale), valutare la promulgazione della norma, dal momento che disciplina l’elezione soltanto di una Camera, a costituzione vigente”. Lo scrivono Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio nel documento consegnato al presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

“Arginare la prevaricazione governativa nel procedimento legislativo: caratterizzata da decretazione d’urgenza, maxiemendamenti e fiducie parlamentari. Il Governo Renzi ha sinora presentato alle Camere 28 decreti-legge (media di 2,3 al mese) ed ha posto 34 questioni di fiducia (media 2,8 al mese)”. Cosi’ nel documento consegnato da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio al presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

“E’ necessaria un’accelerazione della riforma dell’informazione del servizio pubblico televisivo volta a evitare sprechi e duplicazioni e a promuovere sinergie tra le attuali testate giornalistiche”. Cosi’ nel documento consegnato da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio al presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Inoltre, aggiungono, “a favorire un aumento della qualità e della diversificazione dell’offerta e a una razionalizzazione delle risorse della Rai, attingendo alle professionalità interne, per procedere ad un progetto di riposizionamento dell’offerta informativa della Rai nel nuovo mercato digitale e assicurare un rafforzamento dei principi di oggettività, imparzialità, completezza e lealtà dell’informazione che devono connotare il servizio pubblico evitando ingerenze dei partiti”.

Per il M5s “vanno introdotte per la nomina dei direttori delle testate giornalistiche procedure trasparenti che prevedano la pubblicazione sul sito dell’azienda di un avviso pubblico rivolto sia ai propri dipendenti sia a professionisti esterni alla Rai, cui sia data la più ampia pubblicità. L’avviso dovrebbe contenere il possesso di una pregressa esperienza giornalistica di eccellenza, che attesti la fondata capacità potenziale ad assumere la direzione di una testata giornalistica e dovrebbe dimostrare doti innovative e apertura alle esigenze della modernità. Gli organi competenti potranno poi procedere alla nomina, secondo le vigenti disposizioni normative, sulla base di una valutazione comparativa dei curricula trasmessi”.

26 febbraio 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988