Giovani, dalla vernice al pomodoro al sale spray: ecco le start up ‘green’ del 2018

ROMA – Da chi ha inventato la prima vernice di pomodoro in alternativa a quelle sintetiche a chi ha lanciato il primo sale spray aromatizzato, che insaporisce ma con un bassissimo contenuto di sodio, da chi ha ripescato dal passato l’arte di costruire tetti di paglia antisismici a chi ha creato il cuscino di grano che lenisce i piccoli malesseri. E, ancora, gli esclusivi occhiali contadini realizzati con la lana dei propri allevamenti o il jeans invecchiato sotto la paglia ma anche il primo co-living contadino in cui diversi gruppi sociali provenienti da piu’ parti del mondo condividono interessi e sogni attraverso la magia dell’agricoltura. Sono queste solo alcune delle innovazioni green che dimostrano lo spirito imprenditoriale dei giovani imprenditori presentate al ‘Salone della creativita’ Made in Italy’ in occasione della consegna a Roma dei premi per l’innovazione Oscar Green ai finalisti, scelti dopo una lunga selezione territoriale tra migliaia di start up. 

Capolavori d’ingegno realizzati dal talento dei giovani

“Sono tanti i rivoluzionari capolavori di ingegno realizzati grazie al talento di giovani delle diverse regioni e si va- sottolinea Coldiretti- dalla capacita’ di coniugare tradizione e innovazione con la realizzazione del tetto di paglia, che non solo e’ ecologico ed ottimo isolante termico ma e’ talmente leggero da poter essere considerato a tutti gli effetti antisismico, alla piu’ elevata tecnologia che permette di creare la prima ed esclusiva biovernice interamente ricavata dalla buccia di pomodoro, che permettera’ di verniciare le latte alimentari con elementi naturali senza la chimica”.

Papillon da legni pregiati delle barrique dismesse

“Tra le innovazioni- spiega Coldiretti- c’e’ la nuova esperienza imprenditoriale nata dall’idea di due amici, uno nel mondo del vino e l’altro artigiano, che creano papillon utilizzando legni pregiati delle barrique dismesse e li impreziosiscono con stoffa e colori, sgargianti o eleganti”. Molto originale, continua l’associazione agricola, “e’ pure l’idea di produrre il cuscino benessere che contiene una miscela di semi di cereali che hanno il potere di assorbire calore e di rilasciarlo lentamente per aiutare a rilassare i muscoli, riscaldare il letto, o assorbire i traumi”. Anche creare il primo jeans invecchiato nella paglia e strofinato costantemente per farlo consumare e dargli quel tocco vintage “e’ un’idea da Oscar. Un campo di abbigliamento che- spiega Coldiretti- non viene sottoposto a trattamenti ne’ lavaggi”. Tra i finalisti c’e’ anche l’idea di quattro amici “che non si fermano davanti alla pioggia o al maltempo ma, sfidando il mare e la concorrenza, inaugurano il primo take away marino con gli aperitivi direttamente in barca, cucinando quello che da tutti e’ considerato pesce di scarto e che molti pescatori hanno rinunciato a portare a terra. Loro lo valorizzano con la cucina a bordo- continua l’associazione agricola- nel pieno rispetto delle tradizioni liguri, attraverso hamburger di pesce, frittura mista e insaccati di pesce, tutti proposti come finger food, direttamente sulla barca”.

Il primo co-living contadino

“Il primo co-living contadino punta invece sull’esperienza della coabitazione di diversi gruppi sociali provenienti da piu’ parti del mondo nella stessa comunita’ per condividere interessi e sogni attraverso la magia dell’agricoltura, con la creazione di un bellissimo orto internazionale gestito da richiedenti asilo- continua Coldiretti- Ma stupisce anche l’innovativa produzione di sale spray aromatizzato, un distillato liquido salato in spray che, attraverso un processo di estrazione di vegetali rigorosamente aziendali, permette contemporaneamente sia di insaporire che di aromatizzare con basso contenuto di sodio rispetto al resto dei comuni sali in grani”. 

Dagli occhiali fatti dalla lana della pecora agli ‘agrigioielli’

Felice e’ anche il connubio tra un allevatore di pecore e il suo amico “che creano i primi occhiali contadini pensati con un design moderno, fasce di lana intarsiate dentro una struttura in acetato, andando a modellare una forma morbida a onda, che ricorda l’ondulazione della lana, come la ruota dentata per la lavorazione”, continua Coldiretti. I colori sono quelli naturali del vello delle pecore. “Dei veri e propri agrigioielli sono stati creati- prosegue l’associazione agricola- da una giovane donna che ha lanciato degli splendidi monili ricavati da un nocciolo, da una pigna, da un rametto o semplicemente con la cera delle api, le cortecce, la frutta e le foglie”. 

Il ‘carbone magico’ e il superfood da passeggio

E ancora “e’ da ricordare e’ la curiosa innovazione del ‘carbone magico’ usato come concime che rende piu’ gustosi gli ortaggi e salva il clima perche’ interamente ottenuto dalla combustione degli scarti agricoli come residui di potatura o di stoppie”.  Da Oscar e’ anche il superfood da passeggio, “tanti chicchi di melograno freschi, sgranati e pronti da mangiare, un’idea unica per uno spuntino gustoso e naturale, nei momenti di break in ufficio, a casa o al termine dell’attivita` fisica, con la giusta ricarica di energia, vitamine e sali minerali, con poche calorie”. 

Il primo mercato agricolo online

Tra le proposte eccellenti arrivate in finale ci sono anche il primo mercato agricolo online che mette in contatto produttori e consumatori e organizza la consegna a domicilio, l’affettato di coniglio super leggero che possono mangiare tutti coloro che non consumano altre carni, sia per ragioni di salute che per motivi religiosi, la stalla hi-tech, completamente e costantemente monitorata attraverso pc e smartphone, l’esclusiva produzione del lentischio, una pianta mediterranea spontanea dall’intenso aroma balsamico riscoperta oggi come elisir di lunga vita, la prima scuola di musica che trae ispirazione dalla riscoperta della campagna e il desiderio di insegnare ai giovani detenuti l’arte del giardinaggio e i rudimenti del vivaismo per un concreto progetto di inclusione sociale post detenzione.

26 gennaio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»