AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Emilia-Romagna

Bologna capitale europea del meteo, un video spiega perché GUARDA

BOLOGNA – Sarà Bologna la nuova sede (per l’Italia) del Centro meteo europeo? In attesa del verdetto, previsto per inizio febbraio, spunta un video a sostegno della candidatura del capoluogo emiliano che ne racconta tradizione, competenze e eccellenze. Concluso dal claim “Bologna, the right place”, il video da poco più di tre minuti, in inglese con sottotitoli in italiano, è stato realizzato e prodotto dal Cineca insieme a Regione, Arpae, Aster, Fbm e con il sostegno del ministero dell’Ambiente.

L’Italia ha una lunga tradizione in ambito meteorologico e oggi vanta tutte le caratteristiche per diventare il Centro meteo europeo del futuro: questo, in sostanza, racconta il video “Bologna for Ecmwf”, European Centre for Medium-Range Weather Forecasts.

Si parte dalla metà dell’Ottocento, quando padre Secchi organizzò un servizio di previsioni meteorologiche pensato come una rete tra città e, in seguito, come parte di una più ampia rete creata a livello europeo. Dunque, nel video si comincia dagli studi e dalle previsioni sviluppate tramite gli antichi strumenti, proseguendo con un cenno alle simulazioni attuali. Il tutto concentrandosi appunto sull’Emilia-Romagna, per le sue specificità scientifico-tecniche e per la sua attrattività territoriale.

Al ritmo di riprese, immagini di repertorio, rendering, animazioni e simulazioni con i supercomputer, così, il video del Cineca diventa una carrellata sulle eccellenze scientifiche italiane: “Un ecosistema della ricerca di cui l’Emilia-Romagna, e Bologna, si fanno portavoce. Un polo in grado di creare una rete di competenze e infrastrutture favorevole alla costituzione di un grande centro meteo europeo, dove la storia della scienza diventa progettualità futura”, rimarcano dal consorzio interuniversitario di Casalecchio.

26 gennaio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram