Da Banca africana di sviluppo 50 milioni per l’impresa giovane

ROMA – Dalla Banca africana di sviluppo (AfDB) in arrivo 50 milioni di euro per finanziare progetti di investimento per start-up e piccole imprese in tutta l’Africa, per sostenere in particolare l’innovazione in termini di tecnologie, modello di impresa, prodotti e servizi forniti. La precedenza viene accordata all’iniziativa di giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni. Il piano ‘Boost Africa Investment Program’ – che riceverà il contributo di donatori internazionali tra cui la Banca europea – è la prima nell’ambito della Strategia per l’impiego giovanile, approvata di recente dall’AfDB, per riattivare l’iniziativa individuale e favorire nuove attività in settori chiave quali l’energia, le telecomunicazioni, l’agroalimentare, l’imprenditoria e i servizi – tra cui anche salute e educazione.

“Boost Africa mira a stimolare la capacità imprenditoriale dei giovani africani nel creare imprese innovative e convincenti, in grado di competere a livello regionale e globale”, come ha spiegato Stefan Nalletamby, direttore del dipartimento di Sviluppo della Banca. Altro obiettivo fondamentale, “attrarre investimenti diretti nazionali e stranieri, creare nuovi posti di lavoro e contribuire allo sviluppo economico e la crescita”, ha aggiunto.

di Alessandra Fabbretti, giornalista

25 Novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»