Gli studenti danno una mano per il Giubileo, ecco l'accordo Prefettura-Università - DIRE.it

Lazio

Gli studenti danno una mano per il Giubileo, ecco l’accordo Prefettura-Università

ROMA – Docenti, studenti e università. Tutti a disposizione per il Giubileo, sia come istituzioni, sia come luoghi fisici. L’Anno giubilare prossimo all’avvio (8 dicembre) si avvarrà infatti della collaborazione dei tre atenei pubblici romani, La Sapienza, Roma Tre e Tor Vergata, grazie alla convenzione stipulata dai rispettivi rettori con la Prefettura di Roma.

L’accordo – presentato oggi a Palazzo Valentini dal prefetto di Roma, Franco Gabrielli accompagnato dai rettori, Eugenio Gaudio de La Sapienza, Mario Panizza di Roma Tre, e Giuseppe Novelli, dell’Università di Tor Vegata – prevede tra le altre cose, 300 ore di tirocini curriculari per gli studenti dei tre atenei che saranno impiegati a supporto del press point, della sala Gestione Giubileo e della gestione della cartografia dell’evento. Trecento tirocini, di cui 9 già operativi e altri 90 che lo saranno dal 16 dicembre. Di questi, 60 si occuperanno di comunicazione e 30 della gestione della cartografia (all’interno del portale unico dell’evento, ‘Roma per il Giubileo’).

accordo_prefettura_atenei

L’avvio delle attività di tirocinio sarà preceduta da una giornata di formazione (il 14 dicembre). Cinque le ore giornaliere di lavoro, per un massimo di 150 totali, comunque prorogabili.

I docenti delle tre università pubbliche, si occuperanno, tra le altre cose, della gestione dei costi del Giubileo e dello studio dei riflessi economici che questi avranno sulla società. Il costo della convenzione è di circa 50mila euro (“nessuno si arricchirà”, ha detto a proposito il prefetto). Per i tirocinanti, infine, è previsto un rimborso spese. “Ringrazio chi ha lavorato a questo progetto e soprattutto i tre rettori che hanno immediatamente offerto la loro disponibilità per questa collaborazione”, ha commentato Gabrielli. “Grazie a questa collaborazione- ha concluso- che rinnova e rilancia una sinergia tra istituzioni, giovani e mondo del sapere, ci avvarremo di un supporto non solo fisico di tanti ragazzi, ma anche della loro conoscenza”.

25 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»