Giubileo, Zingaretti inaugura il pronto soccorso del S. Andrea - DIRE.it

Lazio

Giubileo, Zingaretti inaugura il pronto soccorso del S. Andrea

ROMA – Sono serviti appena 120 giorni per rimettere a nuovo il Pronto Soccorso dell’ospedale Sant’Andrea in occasione del Giubileo. A inaugurarlo oggi il presidente della Regione, Nicola Zingaretti, insieme al commissario della struttura, Giuseppe Caroli.

I lavori sono stati realizzati con il finanziamento di 2,5 milioni della Regione Lazio e parzialmente del Ministero della Salute. I lavori per il nuovo Pronto Soccorso, realizzati in tempi rapidissimi e senza alcuna interruzione del servizio, hanno interessato una superficie di 975 mq.

E’ stata ampliata l’area destinata ai codici rossi e gialli attraverso la realizzazione di un “open space” attrezzato per una assistenza intensiva e un monitoraggio continuo e sono stati ridefiniti i percorsi dei codici verdi e bianchi, al fine di separare nettamente i flussi dei pazienti sulla base del codice di gravità.

È stato realizzato anche un ambulatorio chirurgico ortopedico per il trattamento di lussazioni e fratture minori, destinabile anche al trattamento chirurgico in PS dei pazienti con ferite e traumi. Inoltre è stata approntata una holding area, dotata di 10 posti letto/barelle, per i pazienti in attesa di definizione diagnostica o di ricovero. “Abbiamo spazi e apparecchiature degne di una sanità del terzo millennio” ha detto Caroli.

“Adesso- ha aggiunto il direttore sanitario, Lorenzo Sommella- saremo in grado di separare i flussi e distinguere gli accessi al Pronto soccorso“.

Zingaretti ha visitato anche il nuovo Servizio Immunotrasfusionale. Realizzato in 160 giorni, grazie al finanziamento complessivo di quasi 600 mila euro da parte della Regione Lazio, il nuovo reparto ha 5 postazioni per la donazione del sangue e 2 postazioni dedicate alla plasmaferesi ed è dotato di tutte le apparecchiature necessarie alla autonomizzazione delle attività emotrasfusionali.

25 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»