Liguria, Toti promette le barricate per salvare gli Intercity - DIRE.it

Liguria

Liguria, Toti promette le barricate per salvare gli Intercity

GENOVA – “Faremo le barricate contro il taglio agli intercity”. Lo annuncia il governatore della Liguria Giovanni Toti in relazione alla riduzione dei convogli tra Torino, Genova e Milano, annunciato da Ferrovie dello Stato. Un intervento, accusa il presidente della giunta regionale, che “penalizzerà il traffico ferroviario da e per la Liguria”. Nello specifico Toti parla delle notizie relative al dimezzamento, a partire da dicembre, di 36 convogli Intercity che percorrono la Liguria, 22 dei quali coprono la tratta Genova-Milano. Sul caso, avverte la giunta, si è già attivato anche l’assessore regionale ligure ai Trasporti Gianni Berrino che, con una lettera alla Commissione trasporti della Conferenza Stato Regioni, ha esortato i propri colleghi “a far valere le proprie ragioni con il governo e Trenitalia”. Il documento è poi stato condiviso da tutte le Regioni. “Se un simile provvedimento dovesse essere preso-prosegue Toti- in un colpo solo il gruppo Ferrovie dello Stato penalizzerebbe un intero sistema economico che vive di turismo, ma anche di industria. Non solo, a essere penalizzati sarebbero anche le decine di migliaia di pendolari e studenti che si appoggiano al servizio pubblico delle Ferrovie per raggiungere i propri luoghi di lavoro anche fuori dalla Liguria e non solo”.

Treno

Secondo Toti “gli intercity sono parte integrante del trasporto pubblico regionale, tanto che la Regione- precisa il governatore- ne sovvenziona l’integrazione tariffaria”. Proprio per questo Toti chiede un incontro con l’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, Michele Mario Elia. “A questo scopo- dice il presidente della giunta ligure- mi mobiliterò non solo affinché questo taglio non avvenga, ma anche per implementare ancora di più le vie di accesso alla Liguria. Sarebbe un colpo mortale per la Regione- conclude Toti- che verrebbe penalizzata in termini di Pil proprio in un momento delicato dove si registra ancora una debolissima ripresa”.

di Diego Curcio

Giornalista

25 settembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»