Omicidi, misteri e gialli: per 4 giorni Cesenatico è noir (e arriva Larsson)

ApprofonDiRE

Omicidi, misteri e gialli: per 4 giorni Cesenatico è noir (e arriva Larsson)

CESENATICO – In fondo lo insegnano anche i grandi maestri del giallo, da Agatha Christie a Stephen King. Quale miglior scenario per un thriller se non una tranquilla cittadina di provincia. E’ il ragionamento che ha fatto anche Stefano Tura, giornalista e giallista di successo, nell’inventarsi il primo festival del romanzo noir a Cesenatico (‘Festival Cesenatico Noir’), nel cuore della Riviera romagnola, che parte domani sera alle 21.30 con un ospite d’accezione, lo scrittore svedese Björn Larsson, autore del romanzo conosciuto in tutto il mondo,  ‘La vera storia del pirata Long John Silver’. Che per un ingresso davvero scenografico arriverà niente meno che dal mare.

“Cesenatico posto ideale”

Per il direttore artistico del festival, Stefano Tura, Cesenatico “è il posto ideale”: la cittadina, tra l’altro, è stata teatro di uno dei suoi romanzi gialli. E’ anche per questo che lo scrittore ha deciso di portare proprio qui omicidi e serial killer con questa innovativa rassegna che si svolge dal 26 al 29 luglio. Così, dice Tura scherzando, “Raffredderemo un po’ l’estate dei turisti”. 

Quattro serate tra il Marè e il Portocanale

Il festival è organizzato in collaborazione con Confesercenti e col Comune di Cesenatico, e prevede due appuntamenti quotidiani: uno all’ora dell’aperitivo, intorno alle 18, al Marè, sul litorale; uno in prima serata, alle 21.30, in piazza Ciceruacchio, affacciati sul Portocanale leonardesco.

E proprio dal mare, a bordo di un’imbarcazione storica, dovrebbe arrivare al Portocanale l’ospite speciale del festival per la prima serata di apertura di domani 26 luglio: Larsson, autore di successo internazionale e appassionato di barca a vela, salirà sul palco come relatore dell’incontro “Mare e misteri, dalla Svezia all’Inghilterra“.

Consulta qui il programma nel dettaglio

12 scrittori italiani a confronto

Insieme a Larsson, sono 12 gli scrittori (italiani) chiamati a dar vita al festival: sei uomini e sei donne, che dialogheranno a coppie moderati da Tura e dal critico Luca Crovi. Il 27 luglio toccherà ai duetti di Piero Colaprico e Giorgia Lepore e di Valerio Varesi e Alessia Gazzola. Il 28 sara’ la volta di Marcello FoisMargherita Oggero e di Maurizio De GiovanniRosa Teruzzi. Il 29 luglio chiuderanno il festival Giampaolo SimiFederica Fantozzi e Carlo LucarelliGrazia Verasani.

“Ho deciso di dividere in maniera paritaria gli scrittori tra uomini e donne- spiega Tura- perchè nei festival e nelle rassegne il numero delle autrici ospiti è sempre inferiore. Eppure le brave scrittrici non mancano”. 

Il sindaco: “Il nostro borgo scenario bellissimo”

“È il festival che ci mancava- afferma il sindaco Matteo Gozzoli- in questo modo completiamo la nostra offerta culturale estiva. E il borgo marinaro si presta benissimo come scenario“. Secondo l’assessore regionale al Turismo, Andrea Corsini, “abbiamo la necessità di fare eventi per riempire il nostro cartellone estivo- afferma – ma più che farne tanti, dobbiamo selezionare contenuti qualità per aumentare l’attrattività del territorio. Questo festival può fare solo del bene a tutta la Riviera. E’ un appuntamento che negli anni può crescere e diventare un evento di livello nazionale e internazionale”. Corsini ci mette poi un pizzico di politica. “In un momento in cui proliferano messaggi di terrore- sottolinea- noi ne lanciamo uno di grande apertura. Apriamo le braccia a tutti coloro che vogliono venire in Emilia-Romagna”.

Fois: “Terrorizzare ultimamente è facile”

Nello stesso solco Marcello Fois, uno degli scrittori presenti al festival. “E’ un periodo un cui terrorizzare è facile– ironizza- basta usare il congiuntivo e la ‘consecutio temporum’ e tutti si spaventano. Anche lo stile oggi terrorizza”. E Tura aggiunge: “In questo momento in cui la società sta cambiando e alle persone interessano tanti temi diversi, spero che si possano toccare anche argomenti di attualità durante gli incontri”.

La pagina Facebook dell’evento

Confesercenti: I gialli un modo per raccontare e far conoscere città

“Riteniamo il festival un evento che contribuisce alla promozione e all’attrattività turistica delle nostre località- commenta il direttore generale di Confesercenti Emilia-Romagna, Stefano Bollettinari– in primis naturalmente di Cesenatico, ma anche dell’intera costa romagnola. Non dimentichiamo che il romanzo giallo anche un modo per raccontare i luoghi, le città, il territorio e spesso ne vengono tratte delle fiction o delle rappresentazioni cinematografiche. Questo potenzia enormemente la promozione turistica del territorio”.

In secondo luogo, sottolinea Bollettinari, “come Confesercenti, rappresentando le attività commerciali e turistiche, rappresentiamo anche le librerie. Le riteniamo un patrimonio importantissimo per quanto riguarda la rete commerciale delle nostre città, anche dal punto di vista culturale. Anche se sono diminuite molto negli ultimi anni, abbiamo ancora 5.500 librerie in Italia, di cui 450 in Emilia-Romagna. Il 73% di quota di mercato ha ancora questo canale di vendita, lo riteniamo un patrimonio importantissimo che vogliamo contribuire a valorizzare”.

La mostra a fumetti dal 24 luglio

L’atmosfera del festival noir si respira a Cesenatico già nei giorni precedenti precedenti l’inaugurazione. In particolare da ieri pomeriggio, martedì 24 luglio, quando è stata inaugurata a mostra “Le stagioni del commissario Ricciardi a fumetti” di Maurizio de Giovanni nella Galleria Comunale d’Arte Leonardo Da Vinci, con le tavole pubblicate dallo storico editore Bonelli ispirate alle avventure del noto personaggio creato da De Giovanni per i suoi romanzi.

In esposizione ci sono 40 tavole, alcune mai esposte al pubblico e elaborate apposta per l’evento con lo sfondo delle vele storiche di Cesenatico: fumetti, copertine, bozzetti e anche i video trailer realizzati per gli episodi: “Il senso del dolore”, “La condanna del sangue”, “Il posto di ognuno” e “Il giorno dei morti”.

“Re immaginare a fumetti le storie del commissario Ricciardi scritte da Maurizio de Giovanni è stata una vera e propria sfida – si legge in una nota della Sergio Bonelli Editore, casa editrice italiana di fumetti operante dagli anni quaranta sotto altre denominazioni e leader del settore in Italia, che edita i fumetti del Commissario Ricciardi – all’interno del progetto sono stati coinvolti come sceneggiatori Claudio Falco, Sergio Brancato e Paolo Terracciano, tre superesperti delle trame tessute da Maurizio de Giovanni che, insieme a lui, hanno adattato le scene al linguaggio del fumetto ricreandole e affidandole alle mani di quattro artisti: Daniele Bigliardo, Lucilla Stellato, Alessandro Nespolino e Luigi Siniscalchi.”

Tutte le iniziative di CesenaticoNoir, sono organizzate da Confesercenti Emilia Romagna e Confesercenti Cesenate, in collaborazione con il Comune di Cesenatico, il patrocinio della Regione Emilia-Romagna e APT Servizi Emilia-Romagna e il sostegno di Conad, Innova Scrl, Golinucci Assicurazioni e Maré cucina caffè spiaggia bottega, con la collaborazione di RadioGamma, radio ufficiale dell’evento e ThrillerNord, il più importante portale web dedicato al thriller nordico e non solo.

 

La fotogallery:

L’intervista a Stefano Tura:

I 12 scrittori protagonisti:

Stefano Tura
Giornalista e scrittore, vive a Londra dal 2006 dove lavora come corrispondente per la Rai. Ha iniziato la carriera come cronista di nera in Emilia-Romagna, è stato poi inviato di guerra in ex-Jugoslavia, Afghanistan, Iraq e Sudan per il Tg1. Nel suo primo romanzo, Il killer delle ballerine (Fazi), compare per la prima volta l’ispettore Alvaro
Gerace, personaggio presente in tutti i suoi thriller. Nel 2014, con Tu sei il prossimo (Fazi) ha vinto i Premi Romiti e Serantini. Nel 2018 è uscito il suo ultimo romanzo A regola d’Arte (Piemme).

Luca Crovi

Critico musicale e conduttore radiofonico, ha scritto per Il Giornale, Max, Italia Oggi e Suono. Dal 1991 è redattore alla Sergio Bonelli Editore. Nel 2001 ha pubblicato Delitti di carta nostra, Premio Aquicon, e l’antologia L’assassino è il chitarrista, curata con il musicista Franz Campi. Il suo Tutti i colori del giallo del 2002 dà il nome all’omonima trasmissione condotta per diversi anni Su Radio2 Rai. Con John R. Lansdale firma il romanzo-fumetto Laggiù nel profondo (2007) illustrato da Andrea Mutti. Noir-Istruzioni per l’uso (2013) è un’imprescindibile guida alla letteratura di genere.

Bjorn Larsson

Scrittore, docente di francese all’Università di Lund in Svezia, traduttore, appassionato di mare e di navigazione (per anni ha vissuto sulla propria barca, il Rustica), è uno degli autori svedesi più noti anche in Italia. Tra i suoi titoli di maggior successo, La vera storia del pirata Long John Silver, Il Cerchio Celtico, Il porto dei sogni incrociati, Bisogno di libertà e La Saggezza del mare.

Piero Colaprico

Caporedattore di “La Repubblica” dopo essere stato inviato speciale di nera e giudiziaria. Ha coniato il termine “Tangentopoli”, con Pietro Valpreda ha dato origine alla serie del maresciallo Binda. Ha vinto un Premio Scerbanenco, per La trilogia della città di M. L’ultimo romanzo è La strategia del gambero, 2017 (Feltrinelli).

Giorgia Lepore

È archeologa e storica dell’arte. Ha esordito pubblicando L’abitudine nel sangue, un romanzo storico ambientato a Bisanzio. Con I figli sono pezzi di cuore ha introdotto nel 2015 il personaggio dell’ispettore della squadra mobile di Bari Gregorio Gerri Esposito (giunto nel 2018 alla terza indagine). Con Angelo che sei il mio custode si è aggiudicata il Premio Mariano Romiti nel 2017. Il compimento è la pioggia (E/O) è il suo ultimo libro. 

Valerio Varesi

Giornalista, attualmente redattore di «Repubblica», è ideatore della figura del commissario buongustaio Soneri, protagonista, con il volto di Luca Barbareschi, della serie Tv “Nebbie e Delitti” su Rai Due. Vincitore di numerosi premi, Varesi ha pubblicato nel 2017 l’ultimo libro dal titolo Il Commissario Soneri e La legge del Corano (Frassinelli).

Alessia Gazzola

Con L’allieva, ha esordito nella narrativa e ha fatto conoscere e amare al pubblico italiano, e a quello dei principali Paesi europei, un nuovo e accattivante personaggio, Alice Allevi. Dai suoi romanzi è stata tratta la serie tv L’allieva, seguita da milioni di spettatori, con Alessandra Mastronardi e Lino Guanciale. Arabesque (Longanesi) è il suo ultimo romanzo.

Marcello Fois

Nuoro 1960, scrittore, autore teatrale, sceneggiatore. Ha all’attivo venti pubblicazioni pluripremiate, e tradotte in venti paesi, per la casa editrice Einaudi. Gli ultimi in libreria sono: Quasi grazia, Del dirsi addio (Einaudi) e Renzo, Lucia e io (ADD).

Margherita Oggero

Ha pubblicato il suo primo romanzo La collega tatuata nel 2002, da cui è stato tratto il film Se devo essere sincera, di Davide Ferrario, con Luciana Littizzetto. Nel 2011 è uscito il suo primo giallo per bambini L’amico di Mizù, edito da Notes edizioni. Suo il personaggio della professoressa Camilla Baudino che ha ispirato la serie televisiva Provaci ancora prof! con Veronica Pivetti. Non fa niente (Einaudi) è il suo ultimo romanzo.

Maurizio de Giovanni

Esordisce come scrittore nel 2005 con un racconto sulla figura del commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta e che gli ispirerà un ciclo di romanzi. Nel 2012 pubblica Il metodo del Coccodrillo (Premio Scerbanenco), dove fa la sua comparsa l’ispettore Lojacono, ora fra i protagonisti della serie dei Bastardi di Pizzofalcone, e che ispirerà la serie TV. L’ultimo suo romanzo è Sara al tramonto. Prossime uscite per Einaudi: Confessioni per il commissario Ricciardi e Il purgatorio dell’Angelo.

Rosa Teruzzi

Esperta di cronaca nera, è caporedattore della trasmissione televisiva Quarto grado. Per scrivere, si ritira sul lago di Como, in un vecchio casello ferroviario, dove colleziona libri gialli. Ha pubblicato La sposa scomparsa (2016) e La fioraia del Giambellino (2017) e da poco, Non si uccide per amore (Sonzogno), il terzo volume della serie che vede come protagoniste tre originali investigatrici milanesi: mamma, nonna e figlia.

Giampaolo Simi

Premio Scerbanenco per Cosa resta di noi nel 2015, è autore di numerosi noir tradotti anche in Francia, nella «Série noire» di Gallimard e presso Sonatine, e in Germania da Bertelsmann. Ha collaborato come soggettista e sceneggiatore a diverse fiction e dal suo racconto Luce del Nord ha scritto, insieme allo sceneggiatore Vittorino Testa, il tv movie omonimo, girato da Stefano Sollima. Il suo ultimo libro è Come una famiglia (Sellerio).

Federica Fantozzi

È stata a lungo giornalista politica e parlamentare per l’Unità, adesso scrive per diversi quotidiani e periodici. È autrice di tre romanzi che prendono spunto, tutti, da fatti di cronaca realmente avvenuti: Caccia a Emy, Notte sul Negev, e Il logista (Marsilio), suo ultimo libro che prende il via dagli attentati di Parigi del novembre 2015.

Carlo Lucarelli

È scrittore, autore televisivo e sceneggiatore. Dal 1990 ad oggi ha pubblicato oltre 20 romanzi, diversi saggi e raccolte di racconti. Per Einaudi ha pubblicato la serie di romanzi con protagonista l’Ispettrice Grazia Negro, e la serie con l’Ispettore Coliandro. Il suo ultimo romanzo, con protagonista il commissario De Luca, è Intrigo Italiano (Einaudi 2017). Nel 2018 è uscito per Mondadori Amok, le stragi dell’odio scritto con Massimo Picozzi. È autore e conduttore di programmi televisivi tra cui Blu Notte (RAI) Muse Inquietanti (Sky Arte HD) e Profondo Nero (Crime Investigation).

Grazia Verasani

È autrice di romanzi, pièce teatrali, sceneggiature, ed è musicista. Il suo romanzo Quo vadis baby? è un noir da cui nel 2005 il regista premio Oscar Gabriele Salvatores ha girato l’omonimo film e prodotto la serie tv Sky diretta da Guido Chiesa. La sua pièce teatrale From Medea-Maternity Blues, rappresentata sia in Italia che all’estero, e vincitrice di numerosi premi, è diventata un film nel 2012 per la regia di Fabrizio Cattani. La vita com’è. Storia di bar, piccioni, cimiteri e giovani scrittori (La nave di Teseo) è il suo ultimo libro.

25 luglio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»