Migranti, Medici Senza Frontiere: “No a stallo negoziati, aprire porti”

ROMA – “Dopo la dolorosa odissea della Aquarius, costretta una settimana fa a raggiungere Valencia per sbarcare 630 persone soccorse nel Mediterraneo, siamo preoccupati per una nuova paralisi negoziale tra le autorità italiane e alcuni altri governi europei che rifiutano in queste ore di assegnare un porto sicuro di sbarco alla nave Lifeline e al cargo commerciale Maersk“, dichiara in una nota Claudia Lodesani, presidente di Medici Senza Frontiere.

“Dopo terrificanti viaggi dai loro paesi di origine e in Libia, dove rifugiati e migranti subiscono sistematiche forme di violenza e sfruttamento, 339 persone soccorse in mare sono attualmente tenute in ostaggio dalle agende politiche europee. E’ tempo che i governi europei mettano al primo posto la vita delle persone, offrendo tutto il supporto necessario alle operazioni di salvataggio operate dalle navi private – di Ong o commerciali – e istituendo un meccanismo proattivo e dedicato di ricerca e soccorso nel Mediterraneo centrale”.  Quindi Lodesani ha concluso: “Considerato lo stallo del negoziato tra i governi sugli aspetti legali e politici, per ragioni strettamente umanitarie, Msf sollecita le autorità italiane ad assegnare con urgenza un porto sicuro alle due navi per offrire alle persone soccorse le cure e l’assistenza di cui hanno bisogno”.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

25 Giu 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»