Politica

Zingaretti ed Emiliano, gli ‘anti-Renzi’ che fanno vincere il centrosinistra

ROMA – “Dopo le allarmanti difficoltà che abbiamo attraversato e confermate da un grande numero di ballottaggi persi nelle città italiane, non bastano semplici aggiustamenti. Tantomeno bastano povere analisi di circostanza. Un ciclo storico si è chiuso. Vanno ridefiniti un pensiero strategico, la nostra collocazione politica, le forme del partito e il suo rapporto con gli umori più profondi della società italiana, l’organizzazione della partecipazione e della rappresentanza nella democrazia. In questi anni non ci sono sfuggiti i dettagli ma il quadro di insieme. C’è un lavoro collettivo da realizzare. Deve partire subito e coinvolgere non solo il PD. È il momento del coraggio, della verità e della responsabilità”. Lo scrive su Facebook, Nicola Zingaretti.

Leggi anche: Municipio III di Roma, vince il centrosinistra: Caudo eletto presidente

SMERIGLIO: MODELLO LAZIO UNICO RIFERIMENTO PER VINCERE

Aprilia, Formia, Fiumicino, Velletri, Santa Marinella e soprattutto il III Municipio di Roma“Dopo la splendida vittoria di Amedeo Ciaccheri in VIII municipio, già al primo turno, oggi ci troviamo a festeggiare altre straordinarie vittorie di quella sinistra civica, popolare e rinnovata, spesso fondata su esperienze in discontinuità con le forme classiche della politica. con la bella vittoria di Giovanni Caudo, dimostrano che il centro sinistra largo, ancorato ad esperienze civiche, può vincere investendo con coraggio sulla rigenerazione delle forme e dei contenuti. Si può fare dunque e il modello Lazio resta il punto di riferimento indispensabile per chi vuole battere destre e i populismi e riorganizzare il campo democratico e progressista di questo paese”. A dichiararlo il vice presidente della Regione Lazio, Massimiliano Smeriglio.

EMILIANO: PUGLIA UNICA REGIONE IN CUI CENTROSINISTRA VINCE

“Qui, a Mosca, siamo stati raggiunti dai risultati elettorali in Puglia. Naturalmente per noi è una grandissima soddisfazione: siamo l’unica Regione italiana nella quale il centrosinistra, sia pure nelle sue varie forme, ha saputo prevalere in modo schiacciante sia sul Movimento 5 Stelle sia sul centrodestra, portando a casa una vittoria di 10 a 1″.  Lo dichiara Michele Emiliano, Presidente della Regione Puglia e leader di Fronte democratico (Pd), da Mosca dove si trova per la conferenza stampa per il nuovo volo Bari-Mosca.

“Questo, ovviamente- aggiunge- è il frutto della libertà di ciascuno, del fatto che la Puglia non ha ricette precostituite, che non ha imposto candidati calati dall’alto e soprattutto del fatto che è l’energia di un popolo, che da 15 anni fa trionfare il centrosinistra in tutte le elezioni più importanti amministrative e regionali, e consente a una nuova classe dirigente di emergere senza imposizioni, offrendo a ciascuna città la possibilità di scegliere il proprio Sindaco nell’ambito della nostra parte politica, trovando sempre un nuovo motivo per rilanciare, per andare avanti”.

“Qui, a Mosca- prosegue Emiliano- abbiamo ricevuto complimenti da tutti per il grande progresso che la Puglia ha fatto in questi anni. Mi congratulo con tutti i candidati che hanno vinto e chiedo ai candidati che hanno perso non solo di riconoscere la sconfitta ma di collaborare con chi ha vinto le elezioni, perché, è solo all’inizio il cammino dei vincitori. Le elezioni sono solo l’inizio di una faticosa strada che mira a cambiare definitivamente il destino delle nostre comunità“.

“Ancora una volta- conclude- il modello pugliese si afferma in Italia come l’unico modello alternativo ai populismi estremisti che in questi giorni, in queste ore ci stanno preoccupando moltissimo. Qui, in Russia, abbiamo ribadito che la Puglia è terra di accoglienza: noi le persone che vengono dagli altri Paesi le accogliamo, consentiamo loro di lavorare, di aiutare la Puglia a costruire la sua ricchezza e non le ributtiamo certo in mare, come qualcuno intende fare. Questa forza del nostro modello sia di esempio a tutta l’Italia“.

 

25 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»