A Trastevere inaugurata caserma dei Carabinieri

ROMA – E’ stata inaugurata questa mattina la nuova caserma della Compagnia Carabinieri Roma-Trastevere alla “Podgora”, in via Garibaldi, nel cuore del quartiere storico romano, gia’ sede del Comando Interregionale e di organi di supporto logistici della Legione Lazio.

Presenti alla cerimonia il viceministro dell’interno Filippo Bubbico, il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, la sindaca di Roma Capitale Virginia Raggi e il prefetto Paola Basilone.

lapide otello stefanini

La cerimonia è iniziata con gli Onori al viceministro e un momento di raccoglimento dedicato a Otello Stefanini, carabiniere medaglia al Valor Civile, vittima di una delle stragi della Uno Bianca, cui è titolata la sede della compagnia dell’Arma interna alla caserma.

“E’ la realizzazione di una struttura capace di consentire un piu’ penetrante intervento delle forze dell’ordine in una grande citta’ come la nostra- ha dichiarato durante la cerimonia il comandante interregionale dei Carabinieri, Vincenzo Giuliani”.

“Un’iniziativa bella sotto due punti di vista- ha spiegato il neosindaco di Roma, Virginia Raggi– da un lato rientra in un’attivita’ di spending review, peraltro perseguita con una rapidità che stupisce. Un altro aspetto e’ l’apertura di questa caserma all’interno di un tessuto sociale molto vivo come quello di Trastevere, l’apertura di in portone in strada, cioe’ un contatto diretto coi cittadini”.

caserma carabinieri trastevere

“Aprire un presidio dei carabinieri che è figlio della collaborazione istituzionale- ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti- e’ segno che le cose possono cambiare. Quindi bene all’Arma, a chi ha saputo trasformare la necessita’ di spendere meno non nel tagliare i servizi ma nel migliorarli”.

La compagnia fino a poche settimane fa operava nella sede di Via Morosini, dove era stabile dal 1967. Il nuovo complesso risale al pontificato di Papa Benedetto XIV, originariamente era un opificio del tabacco e fu venduto nel 1755. Divento’ prima una struttura di sostegno sociale, il Conservatorio Pio, poi nel 1880 fu venduta e divisa in due parti, per essere affidata inizialmente dal Ministero della Pubblica Istruzione e poi, dal 1906, da quello dell’Interno.

25 Giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»