Open Day all’ex canile di Vitinia per il rilancio del parco animali

ex canile vitinia

ROMA   – A distanza di 4 mesi dalla chiusura dell’unico parco canile di Roma – il rifugio comunale Vitinia ex Poverello – i cittadini si sono organizzati per ripartire da soli.

‘AdottiAMO Oasi Arcobaleno’ si chiama il progetto che verrà presentato oggi, sabato 25 giugno, dalle 10 alle 20, in via del Mare km 13,800, all’altezza di Vitinia, là dove un tempo era aperto il rifugio comunale che la gestione commissariale del Comune di Roma ha deciso di chiudere il 24 febbraio.

I cittadini hanno firmato il compromesso di acquisto per la porzione di terreno privato su cui sorgeva una parte del rifugio comunale e hanno preparato la road map che porterà alla riapertura di un nuovo parco per animali nel verde, totalmente gestito dal volontariato.

Un progetto che intende difendere gli investimenti pubblici effettuati nel 1999 per la costruzione di un canile che insiste su di una area demaniale di circa un ettaro e per proteggere il territorio dal degrado che sta inesorabilmente avanzando. Una esperienza a sostegno dei canili comunali di Roma, ormai ridotti a due (Muratella e Ponte Marconi), che devono essere rilanciati e potenziati anche grazie alla contemporanea presenza di iniziative di volontariato puro.

‘AdottiAMO Oasi Arcobaleno’ prevede – oltre alla presentazione del progetto – massaggi shiatsu, lettura dei tarocchi, visite guidate alla Riserva naturale del Litorale romano, incontri con educatori cinofili, colazione a 2 e a 4 zampe e pic-nic vegetariano, laboratori per bimbi nel verde, e una grande festa di compleanno collettivo per tutti i 4 zampe presenti accompagnati dalle loro famiglie con la proclamazione di Miss e Mister Arcobaleno. Saranno presenti Paola Andreozzi, educatore cinofilo Enci, e Antonella Tomassini, che presenterà il suo libro ‘Pianeta vegan’ (Edizioni Mediterranee).

25 Giu 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»