India, medici in barca per le 2mila isole lungo il fiume

ROMA – Lungo un tratto di 900 chilometri del fiume Brahmaputra sorgono circa 2.500 isole in cui vivono oltre 2 milioni e mezzo di persone: siamo nello stato nord orientale dell’Assam, in India, e questa comunità rappresenta la più povera e svantaggiata dell’area a causa dell’assenza di servizi pubblici e infrastrutture. Per far fronte a questa situazione una ong locale – il ‘Centre for North East Studies and Policy Research’, C-Nes – ha lanciato un servizio di quindici “battelli sanitari” che, muovendosi lungo il fiume, prestano assistenza medica completamente gratuita a non meno di 20mila persone al mese.

A raccontare questa storia è il sito web dell’emittente ‘Aljazeera’, che ha anche intervistato uno dei medici della ong, Hasan Rafik: “A causa dell’acqua contaminata del fiume, che le persone usano per bere, cucinare e lavarsi, le patologie più frequenti riguardano le infezioni della pelle, ma anche del tratto respiratorio. La maggior parte della popolazione- prosegue il medico- lavora nelle risaie e anche questo favorisce le infezioni fungine”. L’ong C-Nes opera in quest’area dal 2004, dando particolare priorità alle campagne di vaccinazione infantili, alla salute delle donne e fornendo inoltre consulenza per la pianificazione familiare. Più in generale, cerca di rispondere a tutti i bisogni della popolazione, che per raggiungere gli ospedali più vicini impiega in media tra le 4 e le 6 ore. Dato quindi il suo impegno, da qualche tempo il progetto delle cliniche mobili beneficia di finanziamenti pubblici e da parte dell‘Unicef, il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

25 maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»