Lavoro, ad aprile più di 48.000 contratti a tempo indeterminato - DIRE.it

Welfare

Lavoro, ad aprile più di 48.000 contratti a tempo indeterminato

lavoroROMA – Nel mese di aprile 2015 sono state 35.883 le trasformazioni  di rapporti di lavoro a tempo determinato in rapporti a tempo indeterminato, erano 19.144 nello stesso periodo del 2014. Lo riferisce il ministero del Lavoro grazie alle prime evidenze ricavate dal Sistema informativo delle comunicazioni obbligatorie.

Le trasformazioni sono state 16.739 rispetto allo stesso periodo del 2014.

Nel mese di aprile il numero di attivazioni di nuovi contratti di lavoro è pari a 756.926. Di questi 171.515 sono contratti a tempo indeterminato, 475.273 sono contratti a tempo determinato, 18.443 sono contratti di apprendistato, 38.632 sono collaborazioni e 53.063 sono le forme di lavoro classificate nella voce “altro”. Lo comunica il ministero del Lavoro.

Ad aprile 2014 erano stati attivati 112.839 contratti a tempo indeterminato quindi un anno dopo nello stesso periodo ne sono stati attivati 58.676 in più. L’incidenza dei contratti a tempo indeterminato è passata dal 15,7% di aprile 2014 (erano stato 717.955 i rapporti in tutto) al 22,7% di aprile 2015.

Sempre ad aprile 2015 il numero di cessazioni di rapporti di lavoro è pari a 546.382. Di queste, 122.979 fanno riferimento a contratti a tempo indeterminato, 328.148 a tempo determinato, 13.636 sono relative a contratti di apprendistato, 36.619 a collaborazioni e 45.000 a forme di lavoro classificate nella voce “altro”.

Ad aprile 2014 le cessazioni totali erano state 514.646, di queste 118.856 per i tempi indeterminati.

Ad aprile 2015 c’è un saldo positivo di contratti a tempo indeterminato di 48.536 posti.  Il dato risulta dai 171.515 rapporti a tempo indeterminato di aprile 2015 meno il valore delle cessazioni dei posti fissi che sempre ad aprile 2015 sono stati 122.979.

25 maggio 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»