Arriva la navetta Sestu-Policlinico universitario di Cagliari - DIRE.it

Sardegna

Arriva la navetta Sestu-Policlinico universitario di Cagliari

policlinico universitario cagliariE’ questo “un altro tassello del nostro disegno generale: connettere l’area urbana con la rete ferroviaria e integrare i sistemi di mobilità”. Così  l’assessore regionale ai Trasporti Massimo Deiana, che questa mattina era presente all’inaugurazione della prima corsa di prova della navetta che dal primo giugno collegherà Sestu con la fermata della metro del Policlinico universitario di Monserrato. I sestesi potranno così raggiungere il capolinea del complesso sanitario in coincidenza con gli orari della rete metropolitana, L’autobus dell’Arst effettuerà diverse fermate nei quartieri partendo dalla chiesa di San Gemiliano e avrà una frequenza di venti minuti nelle ore di punta: poco più di mezz’ora il tempo di percorrenza di tutto l’itinerario.

Dalle 7 alle 9, dalle 13 alle 15 e dalle 19 alle 20, il servizio osserverà la frequenza minima. Di 40 minuti, invece, il periodo di attesa della corsa negli altri orari della giornata. Il pullman dell’Azienda regionale trasporti sarà dotato di venti posti, dispositivi di video sorveglianza, sistema di controllo per ricostruire la dinamica degli incidenti, attrezzato per diversamente abili con due poltrone riservate e pedana estraibile per agevolare discesa e salita dal veicolo.

“L’obiettivo generale e molto ambizioso della Regione, che richiede risorse e tempi adeguati, è quello di chiudere ‘l’anello’ nord della viabilità metropolitana di Cagliari portando quindi la linea anche a Sestu- spiega Massimo Deiana- nel frattempo siamo certi di poter rispondere alle esigenze di mobilità di un bacino di utenza di circa 25mila persone con una navetta, agile, e ben collegata a un efficace sistema di trasporto integrato”. La tratta resterà attiva in fase sperimentale sino al 31 luglio.

25 maggio 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»