Renzi: "Austria non chiuda Brennero o sanzioni Ue" - DIRE.it

Europa

Renzi: “Austria non chiuda Brennero o sanzioni Ue”

renzi G5 hannover

ROMA – La questione “del Brennero e’ molto semplice: non c’e alcun elemento alcuno che giustifichi la chiusura del Brennero. Punto. E quindi noi pensiamo che le autorita’ austriache non potranno fare altro che rispettare la normativa europea. E se questo non fosse, saranno la istituzioni europee a prendere le sanzioni necessarie. Perche’ il Brennnero e’ un simbolo”. A dirlo è Matteo Renzi al termine del vertice di Hannover.

“Il presidente degli Usa Barack Obama si è detto disponibile all’impiego di mezzi Nato per bloccare il traffico di uomini e scafisti”, ha reso noto il presidente del Consiglio italiano.

LA LIBIA – “E’ stato un summit molto interessante e sono grato alla cancelliera Merkel, al presidente Obama oltre che a Hollande e a Cameron. Il dossier che ci riguarda piu’ da vicino e’ quello relativo alla Libia. C’e’ un cambio di disponibilita’ a livello internazionale. C’e’ piena disponibilita’ e pieno sostegno al governo al Serraj”, rende noto Renzi al termine del vertice di Hannover. Il premier ha sottolineato che “tutte le iniziative dovranno essere richieste dal governo libico”. La “linea di fondo è quella di un rapporto molto forte con il governo Sarraj e quando avrà da formalizzare le sue richieste troverà nell’Italia un partner sensibile”, ha spiegato Renzi in relazione alla richiesta del governo libico di aiuti in difesa dei pozzi petroliferi. “Siamo pronti a dare una mano dentro un progetto complessivo e all’interno della comunità internazionale”.

MIGRANTI. “LA REALTA’ E’ PIU’ FORTE DI OGNI ALLARMISMO” – “La realta’ e’ piu’ forte di ogni allarmismo. La situazione va monitorata, controllata ma i numeri sono profondamente diversi da quelli che si leggono sui media”

25 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»