Nuova Zelanda, Consiglio Islam Francia denuncia Facebook e Youtube

La causa è legata alla diffusione del video - di 17 minuti - del massacro nelle moschee di Christchurch del 15 marzo. La rimozione è stata tardiva
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Consiglio francese del culto musulmano (Cfcm) ha annunciato oggi che intenterà un’azione legale contro Facebook France e Youtube France per aver diffuso il video della strage di Christchurch del 15 marzo. Lo riferisce oggi la stampa francese, pubblicando alcuni estratti della denuncia inviata alla procura della Repubblica di Parigi.

LEGGI ANCHE: Strage nelle moschee in Nuova Zelanda, terroristi anti Islam omaggiano Traini

L’associazione, nata per rappresentare i musulmani di Francia, accusa i due giganti del web di “diffusione di messaggi violenti, incitanti al terrorismo o tali da minare gravemente la dignità umana, suscettibili di essere visti o sentiti da un minore”. Il massacro nelle moschee di Christchurch, in cui hanno perso la vita 50 persone, era stato trasmesso in diretta Facebook dall’attentatore, il suprematista bianco Brenton Tarrant.

La diffusione del video, della durata di 17 minuti, da parte di Facebook, e la sua rimozione considerata poco tempestiva, hanno suscitato diverse critiche. La settimana scorsa il vice-presidente della multinazionale Guy Rosen aveva promesso nuove misure per migliorare e accelerare il riconoscimento e la cancellazione di contenuti violenti.

LEGGI ANCHE: Nuova Zelanda, parla l’esperta: “E’ puro terrorismo islamofobo”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

25 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»