A Imperia il clima migliore d’Italia

La classifica del Sole 24 Ore. Nella Top ten anche Savona, Genova è diciottesima
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – Imperia è il capoluogo di provincia italiano in cui si vive meglio dal punto di vista del benessere climatico. Lo rivela l’indagine pubblicata questa mattina dal Sole 24 Ore, in occasione del trentesimo anniversario della ricerca sulla qualità della vita dello storico quotidiano economico. Dieci gli indicatori di performance meteorologiche presi in considerazione nell’arco dell’ultimo decennio per comparare 107 città: ore di sole, ondate di calore, umidità relativa, raffiche di vento, brezza estiva, giorni freddi, piogge e nebbia sono alcuni degli eventi indagati per raccontare il gradimento del clima da parte della popolazione.

La Liguria è generalmente favorita dall’ottimo andamento del clima marino, che la spunta a livello nazionale su quello continentale. Si spiega, così, anche la sesta posizione di Savona e la diciottesima di Genova. Più indietro, invece, La Spezia, solo 64esima. Entrando nel dettaglio, si scopre come la Liguria sia al vertice per la minor incidenza delle ondate di calore, ovvero di superamento dei 30 gradi centigradi per tre giorni consecutivi: con soli 13 sforamenti medi all’anno, Genova è al primo posto nazionale, seguita da Imperia e Savona a pari merito, con 15. Imperia, inoltre, è il secondo capoluogo di provincia meno piovoso d’Italia negli ultimi dieci anni, con soli 64 giorni all’anno di precipitazioni, dietro a Siracusa di un giorno. Infine, Genova, Savona e Imperia sono leader assieme ad Aosta, Messina e Vibo Valentia per totale assenza di nebbia. Soddisfatto il governatore ligure, Giovanni Toti, che in un tweet invita tutti a venire a scoprire “la nostra Liguria”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

25 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»