Ultimo appuntamento con “Il Nome della Rosa”: tutte le anticipazioni

Volge al termine la serie evento, record di ascolti, tratta dal best seller di Umbero Eco
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Il 25 marzo ultimo appuntamento su Rai 1 con la serie evento, record di ascolti, “Il nome della Rosa”. Protagonisti ancora una volta  John Turturro, Rupert Everett, Fabrizio Bentivoglio e Roberto Herlitzka.

Nella quarta puntata, arrestando Remigio e processandolo per eresia, Bernardo è riuscito non soltanto a far fallire la Disputa ma a coinvolgere i francescani nella stessa accusa di eresia, condannando la loro visione di una Chiesa povera come fomentatrice di violenza. Malachia, intanto, è riuscito a mettere le mani sul libro e a riportarlo al sicuro nella biblioteca.

LEGGI ANCHE La serie tv “Il nome della Rosa”  arriva su Rai 1: cast, location e anticipazioni

Bernardo sottopone quindi Remigio a un durissimo processo accusandolo non solo dei delitti commessi da dolciniano, ma anche di quelli avvenuti nell’abbazia. Distrutto dalle torture e sollecitato dalle promesse dell’Inquisitore, Salvatore testimonia contro l’amico che alla fine, stremato ma anche spinto da un furioso sentimento di rivolta, ammette entrambe le accuse e viene condannato al rogo assieme alla ragazza.

Adso non si dà pace per il destino della giovane e chiede a Guglielmo di aiutarla. Anche Anna tenta di liberare i due prigionieri, ma si ferma quando il cellario, in lacrime, le confessa di essere stato lui a tradire i suoi genitori. Durante la messa, improvvisamente, Malachia cade a terra e muore. Gui sembra essersi lasciato convincere da Guglielmo a liberare la ragazza, ma è un inganno: ha deciso che la ucciderà prima dell’alba. Anche se sanno di rischiare la vita, i francescani partono per andare ad Avignone a parlare con il Papa. Guglielmo, benché sia stato invitato a lasciare l’abbazia il giorno successivo, è deciso ad andare fino in fondo nella sua indagine.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

25 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»