Le condizioni della Lega al M5S: “Ue, migranti e flat tax irrinunciabili, sul reddito di cittadinanza…”

ROMA – “Un atteggiamento diverso in Europa dell’Italia”, l’immigrazione “con una politica di rigore” e “la flat tax o comunque una politica di incentivi fiscali al lavoro e alla produzione”, in questo momento “indispensabile”. Giancarlo Giorgetti, deputato della Lega, lo dice su La7. Su queste cose “non possiamo rinunciare”, sottolinea Giorgetti.

In particolare senza “uno shock fiscale non andiamo da nessuna parte” perché “serve una politica di incentivo fiscale al lavoro, alla produzione”, aggiunge il deputato della Lega.

Il reddito di cittadinanza “vediamo se possiamo declinarlo in un altro modo”. Certo, se si trattasse di “una misura universalistica” per “sostituire la pensione o una reversibilità”, aggiunge, allora “non ha assolutamente senso”. Invece, “se è un qualche cosa che orienti o incentivi la ricerca del lavoro”, dice il deputato della Lega, allora “può essere valutato”.

Ad ogni modo, nel processo che ha portato Casellati al Senato e Fico alla Camera, con i voti M5S in accordo con quelli della Lega, “il gioco l’abbiamo condotto noi, certamente non i 5 stelle”, sottolinea Giancarlo Giorgetti.

LEGGI ANCHE:

Governo, Di Maio: “Salvini mantiene la parola, noi aperti a tutto”

Salvini: “Il prossimo premier sarà indicato dal centrodestra”

“Berlusconi resta con un pugno di mosche in mano”: è caos in Forza Italia

Centrodestra, Toti: “Lo strappo di Salvini? Un’accelerata salutare”

Chi ha tradito Roberto Fico? Mancano 70 voti dal centrodestra

La mossa del caimano: Forza Italia supera la Lega e diventa il secondo gruppo del Senato

 

 

25 Mar 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»