AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE toscana

A Firenze 2.000 senzatetto, più di Milano, Bologna e Napoli

FIRENZE – Sono 3.559 i senza fissa dimora in Toscana che oltre ai gravi problemi quotidiani sono costretti ad affrontare le drammatiche conseguenze del maltempo, con la temperatura che è scesa abbondantemente sotto lo zero negli ultimi giorni. Firenze, tra i capoluoghi italiani, con quasi 2mila senza fissa dimora, si piazza al quarto posto prima di Torino, Napoli e Bologna e solo dopo Milano, Roma e Palermo. Coloro che non hanno garantito un letto caldo e pasti ogni giorno sono in aumento rispetto al 2011, + 26%, quando erano 2.612. Sono stime diffuse da Coldiretti Toscana dopo la morte di un senzatetto di 45 anni avvenuta a Siena tra la notte di sabato e domenica.
La percentuale di persone senza fissa dimora è passata dal 5,5% del 2011 al 7% di oggi. Sono 600 mila i toscani, uno su cinque, che non riusciranno a scaldare adeguatamente la propria abitazione (18%).

povertàIn Italia, così come in Toscana- continua Coldiretti- è anche pari al 12,6% la percentuale di individui in famiglie che, se lo volessero, non potrebbero permettersi un pasto proteico adeguato ogni due giorni. Una situazione che- sostiene l’organizzazione agricola- si scontra con il fatto che ogni italiano che ha comunque buttato nel bidone della spazzatura durante l’anno ben 75 chili di prodotti alimentari, una quantità che sarebbe più che sufficiente a garantire cibo adeguato per tutti i cittadini.
Un problema che riguarda in Italia l’interna filiera dove gli sprechi alimentari- conclude Coldiretti- ammontano in valore a 12,5 miliardi che sono persi per il 54% al consumo, per il 21% nella ristorazione, per il 15% nella distribuzione commerciale e per l’8% nell’agricoltura e per il 2% nella trasformazione.

25 gennaio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988