Violenza sulle donne, nel Lazio pubblicati due bandi per 740 mila euro - DIRE.it

Lazio

Violenza sulle donne, nel Lazio pubblicati due bandi per 740 mila euro

ROMA – Due bandi regionali per totali 740 mila euro. Ad annunciarne la pubblicazione, alla vigilia della Giornata internazionale della lotta alla violenza sulle donne, è stato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, con il suo vice Massimiliano Smeriglio, l’assessore alle Pari opportunita’ Lucia Valente e quello alle Politiche sociali Rita Visini.

Il primo bando pubblicato oggi da 240 mila euro è costituito dal nuovo avviso dedicato agli orfani di femminicidio fino a 29 anni.

Il bando prevede un contributo una tantum di 10mila euro e si considerano i delitti avvenuti nel territorio laziale a partire da gennaio 2012.

“L’avviso pubblicato oggi- spiega la Regione Lazio- rinnova l’impegno assunto nel 2015, quando il Lazio, per la prima volta in Italia, ha destinato risorse economiche a favore degli orfani le cui madri sono state assassinate da mariti, compagni, ex fidanzati o pretendenti rifiutati. Rispetto alla prima edizione del bando, che era dedicato ai minorenni, quest’anno l’avviso si rivolge anche a ragazze e ragazzi fino a 29 anni di età. Nell’edizione precedente, sono stati 16 i contributi erogati. L’altro bando da 500 mila euro pubblicato oggi è costituito dal nuovo avviso “Generiamo parità”. Una misura del bando finanzia progetti presentati dalle scuole e dalle associazioni per attività di prevenzione e contrasto alla violenza e per l’affermazione dei valori di parità e rispetto di genere. La seconda misura è rivolta alle associazioni che lavorano con gli uomini. Gli obiettivi sono il recupero comportamentale dei soggetti violenti o a rischio devianza e la diffusione della cultura del rispetto. La precedente edizione del bando (2016) ha consentito di finanziare 32 progetti, di cui 15 a favore delle scuole, 12 a favore delle associazioni già impegnate nell’antiviolenza, e 5 per progetti sperimentali rivolti agli uomini.

24 novembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»