Toscana

Firenze, a Sollicciano detenute morse dai topi

FIRENZE – Topi nelle celle femminili del carcere di Sollicciano a Firenze. Alcune recluse sarebbero state addirittura morse dai piccoli roditori durante la notte. E una di loro e’ stata portata al vicino pronto soccorso per ricevere le cure necessarie. Condizioni detentive difficili e degradanti, quelle nel carcere fiorentino, denunciate da Eleuterio Grieco, coordinatore provinciale della Uil Pa Penitenziari di Firenze e confermata dal garante dei detenuti di Firenze Eros Cruccolini e da Don Vincenzo Russo, cappellano di Sollicciano.

“Le problematiche gestionali e strutturali di Sollicciano sono state puntualmente denunciate a tutti i livelli – ha detto Grieco della Uil Pa – ma evidentemente la classe dirigente di questa amministrazione ha perso la misura delle proprie responsabilita’ e la garanzia di quelli che sono i diritti sanciti dalla carta costituzionale, sia per cio’ che concerne la detenzione che per quanto riguarda i diritti del personale di Polizia Penitenziaria e del Comparto Ministeri e di quanti accedono nella struttura. Lavorare in contesti disorganizzati, insalubri, fatiscenti, pericolanti e senza nessuna forma di tutela, fa si’ che tutto il sistema vada in un decadimento che porta a schiacciare le liberta’ ed i diritti individuali”.

24 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»