Sanità

Un nuovo farmaco migliora la vita dei pazienti in dialisi

MILANO – “Questo farmaco può rendere la vita più semplice a pazienti e a operatori sanitari grazie alla migliore integrazione che ha nella terapia dell’emodialisi”. Questo perché “l’efficacia è importante ma anche le modalità con cui si somministra un farmaco hanno un impatto sulla qualità di vita del paziente”. L’ad di Amgen, André Tony Dahinden, spiega così ai microfoni della Dire la novità rappresentata da Etelcalcetide, il nuovo farmaco atto a trattare l’iperparatiroidismo secondario in soggetti adulti con malattia renale cronica. Dahinden lo racconta a margine del convegno organizzato da Amgen, a Milano.


“La molecola precedente veniva somministrata per via orale- continua Dahinden- adesso invece abbiamo questa nuova somministrazione per via endovenosa che permette al malato di ricevere in clinica tutti i trattamenti necessari, senza dover integrare con medicinali presi autonomamente”.

Infine un accenno a quello che è il ruolo di Amgen nell’innovazione farmaceutica: “Siamo leader nelle biotecnologie e abbiamo anche un impegno molto importante nella nefrologia, da molti anni. Il nostro obiettivo- conclude l’ad dell’azienda- è far avanzare la ricerca scientifica attraverso la sperimentazione di nuovi farmaci che possono aumentare la qualità di vita dei pazienti”.

24 ottobre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»