Via libera al dl Salvini; Metalmeccanici: dramma lavoro; Malattie rare, in Senato guerra alla burocrazia

VIA LIBERA AL DL SALVINI, STRETTA SUL DIRITTO D’ASILO

Via libera del consiglio del Ministri al decreto Salvini in materia di sicurezza e immigrazione. La norma contiene una stretta per i richiedenti asilo in caso di pericolosità sociale o condanna in primo grado. il testo e’ stato approvato dal cdm “all’unanimità”. Tra le altre misure l’abrogazione del permesso umanitario e la revoca della cittadinanza in caso di reati connessi al terrorismo internazionale. Concessi maggiori poteri ai Comuni. Non si accenna al caso dei Rom ma, ha sottolineato Salvini, “obiettivo di questo governo è chiudere tutti i campi Rom in Italia entro la legislatura”.

METALMECCANICI: DRAMMA LAVORO, E’ UNA BOMBA SOCIALE

A rischio migliaia di licenziamenti, il governo deve intervenire. I sindacati metalmeccanici lanciano l’allarme e chiedono che il ministro Luigi Di Maio garantisca gli ammortizzatori sociali in scadenza nel decreto urgenze. Durante il presidio al Mise i sindacalisti avvertono: “e’ una bomba sociale che rischia di esplodere: sono almeno 140 mila i lavoratori che, per le limitazioni introdotte dal Jobs act, non hanno piu’ cassa integrazione o solidarietà”.

MALATTIE RARE, IN SENATO GUERRA ALLA BUROCRAZIA

Migliorare l’accesso ai farmaci da parte dei pazienti affetti da malattie rare. E’ quanto si prefigge l’osservatorio sui farmaci orfani, in collaborazione con la senatrice Paola Binetti. Presentato a palazzo Madama un primo dossier sui principali ostacoli. “Le nostre sono proposte contro la burocrazia che impedisce ai malati di curarsi”, dice la senatrice Binetti. La parlamentare chiede alla ministra Grillo di battersi per adeguate risorse in finanziaria.

L’INVITO DEL PAPA: ESSERE ARTIGIANI DELL’UNITA’

“Lo Spirito Santo ci renda artigiani di unità tra la nostra gente, così che le nostre differenze non diventino divisioni”. E’ il messaggio che papa Francesco lancia in Lettonia, seconda tappa di un viaggio nei paesi baltici. Il pontefice, come riporta il Sir, invita tutti a utilizzare “le armi del dialogo, della comprensione, del rispetto reciproco e della fraternità”. Parlando dei giovani, poi, papa Francesco ha messo in guardia dalla “solitudine e dall’isolamento, i mali peggiori del nostro tempo”, ha detto.

24 settembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»