Roma, shopping gratis nelle vie del centro con buste schermate: 3 arresti

ROMA – Scorrazzavano lungo via del Corso atteggiandosi a facoltosi turisti arrivati a Roma per fare shopping, entrando ed uscendo dagli atelier e dalle boutique delle maggiori griffe internazionali. Le buste rigonfie di articoli firmati portate dai tre, cittadini russi di eta’ compresa tra 34 e 45 anni, tutti in Italia senza fissa dimora e con precedenti, in realta’ celavano un ‘trucco’: una schermatura artigianale, ma ben nascosta ad occhi indiscreti, che consentiva ai furfanti di arraffare i prodotti senza far scattare l’allarme antitaccheggio. A scoprire il trucco dei malviventi sono stati i Carabinieri della Stazione Roma San Lorenzo in Lucina che li hanno sottoposti a fermo di polizia giudiziaria con le accuse di furto in esercizio commerciale e ricettazione. L’attivita’ dei militari e’ nata dalla segnalazione fatta dai dipendenti di una maison di via del Corso che si erano resi conto dell’ammanco di due borse del valore complessivo di 4.900 euro. Grazie all’analisi delle immagini della videosorveglianza, i Carabinieri hanno individuato i due responsabili che, coprendosi le spalle a vicenda, infilavano nelle borse schermate i costosi accessori.

Uno dei due, poco dopo, e’ stato bloccato all’uscita di un’altra boutique di via del Corso, dove aveva appena arraffato un’altra borsa del valore di 1.500 euro. La successiva perquisizione scattata nella camera d’albergo dei malviventi, in zona Esquilino, ha consentito di fermare gli altri due complici e di recuperare un’ingente quantitativo di preziosa refurtiva – cinte, scarpe, borse, profumi – del valore complessivo di 60.000 euro, una schiera di borse con schermatura interna e un apparecchio utile a rimuovere senza arrecare danni le placche antitaccheggio. I tre cittadini russi sono stati rinchiusi nel carcere di Regina Coeli, dove rimangono a disposizione dell’Autorita’ giudiziaria.

24 settembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»