AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE LAVORO IN DIRETTA

Il lavoro in DIREtta – Ecco le notizie dal territorio

Il mondo del lavoro e non solo. Ogni giorno in Italia il tema dello sviluppo economico, dei rapporti tra imprenditori e lavoratori assumono i contorni piu’ diversi.
Qui la ragione di ‘Lavoro in DIREtta’ lo speciale della Dire in collaborazione con i colleghi di Rassegna (www.rassegna.it).
Buona lettura.

TORINO. IL 28/9 INIZIATIVA “BUON COMPLEANNO CGIL”  – Lunedì 28 settembre presso la Camera del Lavoro di Torino si terrà l’iniziativa “Buon compleanno Cgil!”, nell’ambito della “settimana degli archivi” coincidente con il compleanno della confederazione (29 settembre), anche in preparazione del 110° compleanno che cadrà nel 2016. In quella settimana gli archivi nazionali, quelli di categoria e territoriali organizzano varie iniziative per condividere il patrimonio di storia e di cultura dell’organizzazione. Lunedì la giornata si svolgerà con gli interventi di due storici, Stefano Musso e Marco Albeltaro che, su due distinti periodi compresi tra il 1891 e il 1990, terranno una “lezione” sul ruolo svolto dal movimento sindacale torinese, possibilmente mettendo in evidenza i periodi caratterizzati da una forte azione unitaria; il contributo del Direttore dell’Istituto Gramsci, Dunia Astrologo, sul presente e il futuro dell’archivio Cgil e sul valore, sulla qualità e quantità del patrimonio archivistico che conferirà al Polo del ‘900;Il contributo del Sindaco della città di Torino, Piero Fassino, per il suo ruolo passato e presente di promozione e di sostegno a Ismel e Polo del ‘900; le conclusioni di Carlo Ghezzi, segretario della Fondazione Di Vittorio, e promotore con Bruno Trentin della rete degli archivi Cgil. A corollario dell’iniziativa del 28 settembre la Cgil torinese organizzerà tre mostre: la prima, curata da Aldo Agosti, già allestita in Cgil, sull’assalto alla Camera del Lavoro del 1921; la seconda, in fase di restauro, prodotta dalla Camera del Lavoro di Torino in occasione del Centenario che, attraverso 12 pannelli, percorre il nostro cammino dal 1891 al 1991; la terza, una piccola mostra prodotta nel 2009 da Cgil, Cisl, Cc.Oo. di Barcellona e Memorial Democràtic Treballador de Seat sugli anni della solidarietà nella lotta per la liberazione dal franchismo.

CCNL GAS-ACQUA. APPROVATA PIATTAFORMA – Centoventotto euro di aumento per il triennio 2016-2018: è questa la richiesta economica contenuta nella piattaforma per il rinnovo del contratto del settore gas-acqua approvata dall’assemblea nazionale delle strutture e dei delegati Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil, che si è riunita oggi (24/9) a Roma. L’approvazione è arrivata dopo il via libera dalle oltre 300 assemblee dei lavoratori con ben oltre il 90% dei consensi. La piattaforma sindacale sarà subito inviata alle associazioni imprenditoriali di riferimento (Anfida, Assogas, Anigas, Federestrattiva, Confindustria-Energia e Utilitalia) per l’avvio immediato delle trattative. “La richiesta economica- scrivono i sindacati in un comunicato- è coerente con la situazione economica attuale, che deve garantire la difesa del potere di acquisto attraverso l’incremento dei minimi, il miglioramento del welfare contrattuale e delle prestazioni lavorative”. Uno degli obiettivi prioritari del rinnovo, aggiungono, è far sì che “l’attuale perimetro dei contratti gas-acqua e energia-petrolio dovrà essere consolidato e inscindibile”.

SINDACATI: SALVARE LA FORESTALE – “Salviamo la Forestale per il paese”. Per impedire il passaggio del Corpo forestale dello Stato in quello dei Carabinieri, per dire sì alla riorganizzazione, ma no alla militarizzazione del corpo, Fp Cgil Fns Cisl e Uil Pa promuovono per domani (venerdì 25 settembre) un’assemblea unitaria nazionale a Roma presso la sala Cavour del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali di via XX Settembre 20 dalle ore 10 alle ore 13. Al centro dell’assemblea di domani la misura contenuta nella riforma Madia sul riassetto delle Forze dell’ordine e, nello specifico, l’assorbimento del Corpo forestale dello Stato (verosimilmente) nel corpo dei Carabinieri. Un passaggio, denunciano i sindacati, che determinerebbe “la militarizzazione di un corpo nato col pieno riconoscimento per i suoi dipendenti di diritti civili e prerogative sindacali propri di una forza di Polizia ad ordinamento civile”, così come temono “lo svilimento delle funzioni di un Corpo che rappresenta un insostituibile presidio di legalità, il corpo forestale deve poter espletare i propri compiti di polizia ambientale e agroalimentare in un corpo di polizia civile e non militare”. La rivendicazione dei sindacati è quella di “una vera riorganizzazione della Forestale, contro il tentativo di destrutturare il corpo, mentre la strada presa dal governo va in altra direzione: l’Europa chiede ai paesi membri di istituire un corpo analogo alla nostra Forestale, noi pensiamo di abolirlo”. Ragioni che saranno il tema dell’assemblea di domani a Roma che vedrà la presenza di rappresentanti sindacali delle categorie e delle confederazioni nazionali di Cgil, Cisl e Uil.

INCENDI. FP BAT, BILANCIO DELL’ATTIVITÀ AIB DEI VIGLI DEL FUOCO – Duecentocinquanta interventi in poco più di due mesi solo della squadra specializzata Aib (anti incendio boschivo) oltre a quelli che hanno portato avanti gli uomini della squadra ordinaria, oltre duecento. In fumo nel territorio non solo sterpaglie ma anche ettari di macchia mediterranea e boschi. È il bilancio dell’attività che ha visto impegnati i vigili del fuoco del distaccamento di Barletta durante l’estate appena conclusa; un periodo in cui, dal 26 giugno al 31 agosto almeno, oltre a rispondere alle richieste di soccorso tecnico urgente, che quotidianamente impegnano i vigili del fuoco, gli uomini del distaccamento di Barletta hanno fatto fronte anche ai numerosi interventi di incendi di bosco e di sterpaglie. Tutto ciò comporta una serie di ripercussioni sulla sicurezza dei cittadini e sulla tutela del patrimonio boschivo.  “Rafforzare il soccorso- commenta Giuseppe Rizzi, coordinamento Vvf di Barletta- con l’impegno mirato di una squadra Aib, voluta e richiesta alla Regione Puglia, dalla Fp Cgil Vvf Bat e dai politici regionali del territorio, ha permesso alla squadra ordinaria del distaccamento di Barletta di concentrarsi sugli interventi di soccorso tecnico urgente, oltre anche a quelli di Aib. Analizzando gli ottimi risultati ottenuti, la Fp Cgil Vvf Bat ritiene che questi non debbano rappresentare un punto di arrivo e che non si debba abbassare la guardia sulla prevenzione, la quale rimane la strada più vantaggiosa per quanto riguarda la salvaguardia del nostro territorio. I margini di miglioramento sono ampi, ad iniziare dalla pulizia dei terreni al rispetto delle circolari emanate dalla Regione Puglia e dai Comuni, fino all’anticipazione dell’avvio del servizio di prevenzione boschivo al primo giugno. È di fondamentale importanza, infatti, nella lotta agli incendi boschivi la tempestività degli interventi e la ormai consolidata cooperazione tra enti”.  “Alla luce dei prossimi provvedimenti che il ministero dell’Interno sta emanando con lo ‘Schema di decreto del Presidente della Repubblica’ recante ‘Regolamento di organizzazione del Ministero dell’Interno’ con il quale si eleverà a comando il distaccamento dei vigili del fuoco di Barletta (portando un aumento di personale e di automezzi), la Fp Cgil Vvf provinciale – conclude Luigi Marzano, segretario generale della Funzione pubblica Cgil Bat – torna a ribadire che questo è il momento di dare seguito alla costruzione della nuova sede dei vigili del fuoco della Bat per poter svolgere i propri compiti con sicurezza in spazi idonei”.

FCA. SCIOPERO ALLE MECCANICHE DI MIRAFIORI – Questa mattina, dalle 8 alle 9, si è svolto uno sciopero di protesta sulle condizioni di lavoro alle Meccaniche di Mirafiori: l’agitazione ha riguardato l’intera squadra del montaggio e ha coinvolto il 100% degli addetti. “In questi giorni, con l’inizio dell’autunno, – si legge in una nota del sindacato dei metalmeccanici Cgil – le Rsa della Fiom hanno richiesto in più occasioni all’azienda di chiudere le aperture poiché i lavoratori erano soggetti al freddo delle prime ore del mattino e si era nell’impossibilità di lavorare in sicurezza. Alla continua indisponibilità e sordità dimostrata dall’azienda i lavoratori hanno quindi deciso di fermarsi per un’ora di sciopero, grazie alla quale le aperture sono state finalmente chiuse. L’iniziativa di oggi si svolge dopo che ieri si è tenuta l’assemblea dei sindacati firmatari sul rinnovo del contratto specifico e i lavoratori hanno protestato abbandonando i locali e lasciando da soli i rappresentanti di Fim, Uilm e Fismic”.    Lino Lamendola e Antonio Citriniti, della Quinta Lega Fiom-Cgil, dichiarano: “Mentre Fca si presenta all’esterno come un modello per il paese, negli uffici e negli stabilimenti si fa fatica ad affrontare le banalità quotidiane come le ondate di calore estive e l’inizio della stagione autunnale. A questo si aggiunge il disinteresse delle organizzazioni sindacali firmatarie degli accordi separati sulle condizioni lavorative dei lavoratori: prova ne è che lo sciopero ha visto la partecipazione dei loro iscritti ma non delle sigle firmatarie. La Fiom-Cgil, divenuta maggioranza nelle ultime elezioni degli Rls alle Meccaniche, pazientemente e caparbiamente è a fianco dei lavoratori per migliorarne le condizioni”.

24 settembre 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram