Auto d'epoca pronte a sfilare dalla costa al Titano - DIRE.it

San Marino

Auto d’epoca pronte a sfilare dalla costa al Titano

SAN MARINO – Le due Repubbliche unite dalla passione per i motori d’epoca. Si ripete l’amicizia di San Marino e Italia in occasione del 4° Trofeo delle due Repubbliche che si terrà questo week end, domani e domenica, tra Misano Adriatico e San Marino.

auto d'epoca

La manifestazione, organizzata dal comitato di quartiere di Portoverde, Automobile Club di San Marino con la collaborazione dell’autodromo Misano World Circuit, non è un semplice raduno di auto d’epoca, ma un vero e proprio momento di vicinanza tra le istituzioni dei due Paesi. Infatti porta il patrocinio del Senato della Repubblica italiana, della segreteria di Stato per il Turismo della Repubblica di San Marino, del Comune di Misano Adriatico, dalla Giunta di Castello di Borgo Maggiore infine dall’automobile Club di San Marino. Si inizia sabato quando, a Portoverde, sarà allestito uno stand di circa 300 metri quadri con vetture e moto d’epoca in esposizione gratuita per tutto il week end. Domenica, alle 10, partirà il raduno: si conta di raggiungere il numero massimo consentito di 50 auto. Le auto partiranno alla volta di San Marino dove gli equipaggi, accolti dal segretario di Stato per lo Sport ed il Turismo, Teodoro Lonfernini,saranno ricevuti a Palazzo Pubblico in udienza dai Capitani Reggenti, per poi ripartire alla volta di Valdragone, dove si terrà una prova speciale e poi il pranzo. Nel pomeriggio, il corteo raggiungerà Santamonica per un prova speciale cronometrata ed infine alcuni giri di pista nell’Autodromo Misano World Circuit – Marco Simoncelli. Premiazione in serata a Portoverde con cena di pesce per i partecipanti. Tra gli iscritti: la famiglia dell’imprenditore Carlo Colaiacovo, Filippo Berselli, il Sindaco di Misano Adriatico, Stefano Giannii, Clelio Galassi presidente dell’AC di San Marino, Pier Giovanni Piccioni, consigliere della Banca Popolare Valconca.

24 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»