Emilia Romagna

Confindustria, Marchesini: “nervi saldi Brexit non influisce più di tanto”

brexit_ue_gbBOLOGNA – “Ora e’ necessario mantenere nervi saldi. Si tratta di una scelta inaspettata, che avra’ conseguenze immediate su piu’ fronti”. Lo dice il presidente di Confindustria Emilia-Romagna Maurizio Marchesini, commentando il voto britannico favorevole all’uscita dalla Ue. Spiega Marchesini: “Dal punto di vista strettamente economico, pero’, ritengo che i rapporti commerciali della Gran Bretagna con il nostro Paese, e con l’Emilia-Romagna, siano cosi’ stretti che nessun referendum potra’ influire piu’ di tanto”.

Tuttavia, anche gli industriali si dicono preoccupati: “La gravita’ politica di questa decisione e’ evidente, perche’ l’uscita del Regno Unito indebolisce l’Europa nello scacchiere globale. Il rischio di disgregazione- ricorda Marchesini- e’ fortissimo, sono in gioco i valori europei piu’ importanti. Adesso l’impegno di tutti deve essere quello di ricompattare i Paesi su una nuova idea di Europa unita, piu’ vicina alle esigenze dei cittadini e dei territori”.

24 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»