Politica

Servizio civile, pubblicati i bandi per selezionare 47.529 volontari

ROMA – Pubblicati oggi sul sito www.gioventuserviziocivilenazionale.gov.it i bandi 2017 del dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale, delle Regioni e Province autonome, per la selezione di 47.529 volontari da impiegare in progetti di Servizio Civile Nazionale in Italia e all’estero. I ragazzi potranno scegliere tra 1.887 progetti (di cui 94 all’estero) presentati dagli Enti inseriti nell’Albo nazionale e tra 2.907 progetti presentati dagli Enti iscritti negli Albi regionali e delle province autonome. I progetti finanziati rappresentano il 97 % dei progetti approvati. Nel dettaglio i numeri del bando nazionale ordinario 2017: 26.304 giovani volontari (di cui 788 all’estero) saranno impiegati nei progetti presentati dagli Enti inseriti nell’Albo nazionale e 21.225 quelli per progetti presentati dagli Enti iscritti negli Albi regionali e delle province autonome. Alla selezione potranno partecipare ragazze e ragazzi tra i 18 e i 28 anni interessati ad un’esperienza di cittadinanza attiva nei settori dell’assistenza, della protezione civile, dell’ambiente, del patrimonio artistico e culturale, dell’educazione e promozione culturale. Le domande di partecipazione alle selezioni dovranno essere inviate direttamente agli Enti titolari del progetto entro le 14 del 26 giugno 2017. E’ possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto di servizio civile nazionale, da scegliere tra quelli inseriti nel bando nazionale o nei bandi regionali e delle province autonome, pena l’esclusione dalla selezione. Nei prossimi giorni, inoltre, partirà sulle reti del servizio pubblico radio-televisivo la campagna di comunicazione promossa dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, con il consueto claim “Servizio Civile Nazionale. Una scelta che cambia la vita. Tua e degli altri“. Informazioni possono essere richieste all’Urp 06.67792600 – via della Ferratella in Laterano, 51 – 00184 – Roma.

“Dopo l’entrata in vigore del decreto legislativo che introduce il Servizio civile universale, questo bando dimostra come sia senza soluzione di continuità l’impegno del Governo nei confronti dei giovani. Questi numeri – afferma il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Giuliano Poletti – sono la prova concreta della volontà di rilanciare questo importate istituto del nostro Paese che suscita grande interesse tra i giovani pronti a mettersi in gioco per questa esperienza di crescita umana, di impegno solidale e di cittadinanza attiva di alto valore morale e sociale”. Il raggiungimento di questo obiettivo è per Poletti “un passo importante che anticipa quello che avverrà con l’attuazione del Servizio Civile Universale: offrire questa opportunità a tutti i ragazzi che vogliono impegnarsi in un percorso di crescita personale, professionale e di partecipazione alla vita collettiva. I giovani con il Servizio Civile hanno la possibilità di misurare le proprie capacità per realizzare qualcosa di utile per sé e per gli altri che li renderà consapevoli di non essere solo cittadini italiani ma anche europei”.

“Con oggi non si esaurisce il lavoro che portiamo avanti incessantemente insieme Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale – afferma il sottosegretario con delega al Servizio civile, Luigi Bobba – ricordo l’importante bando scaduto nei giorni scorsi per la selezione di 1.298 volontari da avviare per interventi nelle aree terremotate del centro Italia interessate dagli eventi sismici del 2016. Partecipando a questi progetti i giovani metteranno a disposizione il proprio tempo in favore di popolazioni in difficoltà e svolgeranno un notevole ruolo di utilità sociale dando così concreta attuazione ai principi di solidarietà. Al contempo viene portata avanti l’istruttoria di altri bandi, tra cui quello relativo a 960 volontari per l’accompagnamento dei grandi invalidi e dei ciechi civili, e quello riguardante circa 1.000 volontari da coinvolgere in progetti finalizzati a migliorare la conoscenza dell’educazione alimentare e alla tutela del territorio, attraverso lo strumento dell’agricoltura sociale”. Sempre per il 2017 sono previsti bandi per ragazzi da impegnare in progetti finanziati con il programma Garanzia Giovani a seguito di accordi con il ministero dei Beni Culturali, con il ministero dell’Ambiente e con il ministero dell’Interno. “Ecco dunque – conclude Bobba – che ci sono motivi di soddisfazione sia per il numero di giovani che potranno essere coinvolti in progetti di Servizio civile – oltre 50.000 – sia per l’importanza sul piano sociale dell’attività svolta. Considerando infine l’ampliamento degli ambiti nei quali sarà possibile svolgere il Servizio civile, che spaziano dall’assistenza, all’agricoltura sociale, alla promozione della pace e tutela dei diritti umani – solo per citarne alcuni – possiamo ipotizzare per il futuro uno sviluppo sempre maggiore di questo importante istituto”.

24 maggio 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»