L'opposizione attacca Ceriscioli: "300 giorni senza governo" - DIRE.it

Marche

L’opposizione attacca Ceriscioli: “300 giorni senza governo”

ceriscioli_luca_r439_thumb400x275ANCONA – “Sono 300 giorni che la Regione non è governata“. E’ il duro attacco mosso dalla minoranza nei confronti del governatore Luca Ceriscioli. Al termine di un consiglio regionale senza ordini del giorno ma in cui si è discusso solo di interrogazioni e mozioni infatti Lega, Movimento 5 Stelle, Forza Italia, Fratelli d’Italia insieme al consigliere Sandro Bisonni (Gruppo Misto) hanno convocato una conferenza stampa. Ed hanno sparato a zero contro giunta e minoranza.

“Questa è un’assemblea legislativa che non legifera- attacca Sandro Zaffiri (Lega)- Dalla giunta non arriva alcuna proposta. Non spetta alla minoranza avanzare proposte. La responsabilità è di chi governa“. Siamo “praticamente a giugno e ancora non abbiamo una proposta di bilancio- spiegano Jessica Marcozzi e Piero Celani di Forza Italia- Se non sappiamo quali sono le risorse di cui disponiamo come facciamo a presentare dei provvedimenti normativi. Gli unici due punti programmatici portati in consiglio, ossia il Psr (Piano sviluppo rurale) e il piano Turistico, sono eredità della precedente amministrazione“.

Il Movimento 5 Stelle ha presentato 7 proposte di legge che non sono ancora state discusse. “E’ in atto una marginalizzazione dei consiglieri regionali di minoranza e, più in generale, del consiglio regionale- premette Gianni Maggi (M5S)- Ceriscioli e la sua maggioranza sono dei dilettanti allo sbaraglio”. Secondo Elena Leonardi (FdI) il presidente Ceriscioli diceva di voler guidare una Regione “veloce e dinamica come un Formula 1 mentre a noi sembra che si tratti di una Panda con la ruota di scorta“. I 10 consiglieri di minoranza presenti hanno annunciato per i prossimi mesi una mobilitazione dell’opposizione “per denunciare- concludono- l’immobilismo dell’amministrazione Ceriscioli”. All’incontro non ha preso parte Mirco Carloni

24 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»