Libia, Haftar attacca il centro di detenzione dei migranti: 6 vittime

Lo ha riferito Mustafa El-Mecei, un portavoce delle milizie che sostengono il Governo di Unità nazionale all'agenzia turca 'Anadolu'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono sei i migranti che hanno perso la vita dopo l’attacco al centro di detenzione di Qasr Bin Gashir, a una ventina di chilometri a sud di Tripoli. Lo ha riferito Mustafa El-Mecei, un portavoce delle milizie che sostengono il Governo di Unità nazionale all’agenzia turca ‘Anadolu’, puntando il dito contro le forze del generale Haftar.

Secondo El-Mecei, i feriti sarebbero 11. Anche il Consiglio di presidenza ha condannato con forza questo episodio: “L’area di Qaser Bin Ghashir è considerata una regione pericolosa a causa delle operazioni militari che vi si svolgono lì”, ha detto il portavoce Muhannad Younis, evidenziando che tale episodio equivale a “un crimine contro l’umanità e a crimini di guerra”, essendo “una grave violazione del diritto umanitario”. Quindi, ha avvertito che le ostilità in corso “ostacolano il lavoro dei soccorritori nonche’ e le operazioni di trasferimento effettuate dalla Mezzaluna Rossa”.

“Al momento la situazione è molto grave e per ragioni di sicurezza non abbiamo accesso ai centri di detenzione che si trovano nelle aree degli scontri, tra cui quello di bin Gashir” riferisce all’agenzia Dire l’Organizzazione per le Migrazioni (Oim) in Libia.

L’Oim Libia sul bilancio delle vittime e gli autori dell’attacco “non ha informazioni”, proprio a causa dell’impossibilità di accedere alla struttura per via dei combattimenti. Di norma “l’Oim visita i centri di detenzione, fornendo assistenza medico-sanitaria di base e trasferendo i casi più gravi in ospedale, in collaborazione con altre organizzazioni umanitarie presenti sul territorio. Più in generale, offriamo a queste persone programmi di ritorno volontario, per chi vuole tornare nel proprio Paese”.

Nella zona interessata dai combattimenti al momento “ci sono circa 3.600 migranti”. Oim sta assistendo anche gli sfollati, oltre 30mila da quando le forze di Haftar hanno lanciato un attacco militare per conquistare la tripolitania.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

24 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»