“Migranti e salute: tra prevenzione, cura e Fake News”, un meeting all’Ordine dei Medici di Palermo

Il convegno è organizzato da Piernicola Garofalo, Direttore di Endocrinologia dell’Ospedale Cervello
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Molti ignorano che la prima causa di accesso ai pronto soccorso di immigrati irregolari maschi è data dagli incidenti sul lavoro. L’opinione secondo la quale gli immigrati diffondono malattie all’interno del nostro territorio è causata dai pregiudizi e dalle false notizie che è possibile leggere in rete”. Così Piernicola Garofalo, Direttore di Endocrinologia dell’Ospedale Cervello, ha presentato il convegno dal titolo “Migranti e salute: tra prevenzione, cura e Fake News”, svolto nei giorni scorsi a Palermo.

Al termine dell’incontro, l’Ordine dei medici del capoluogo siciliano ha rilasciato un decalogo di notizie “ritenute per la maggior parte dei casi reali, ma infondate”.

“L’incontro- spiega Garofalo- cerca di rivelare le dimensioni di una problematica che interessa la sanità. I migranti residenti in Italia rappresentano il 10% della popolazione generale e i livelli di assistenza alla salute nelle sue varie declinazioni, come la prevenzione, la diagnosi, la terapia, sono estremamente difformi e poco tracciate. Esiste oggi un ambulatorio per immigrati, ma le difficoltà e le barriere che si sono create, linguistiche e culturali, snaturano le potenzialità del servizio. Il convegno vuole però porre l’accento su quello che esiste e su ciò che è già stato fatto”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

24 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»