Camere, il Pd tagliato fuori. Renzi: “Sto alla larga, decidono i caminetti”

ROMA – “Io sto alla larga, alla larghissima” dalla partita sui presidenti delle Camere. Cosi’ Matteo Renzi arrivando al Senato.

L’ex premier ed ex segretario del Pd sta a guardare e, dopo aver schierato il Partito Democratico su posizioni aventiniane, attacca: “Stanno decidendo i caminetti”.

Poi, un commento: il centrodestra va su Casellati? “Chi l’avrebbe mai detto…”.

RENZI INVENTA IL RITORNELLO: ‘TOCCA A LORO. PUNTO’

“Tocca a loro. Punto”. E’ il refrain, una sorta di tormentone, con il quale Matteo Renzi, al Senato, risponde ai cronisti che gli chiedono un commento sulla trattativa per le presidenze.

Allora, siete soddisfatti? “Tocca a loro. Punto”. L’accordo M5s-centrodestra prelude a un’intesa sul governo? “Tocca a loro. Punto”, risponde Renzi, che poi si informa: “Ma adesso come funziona. Votiamo, poi sentiamo la presidente e andiamo, giusto?”

Intanto il Partito Democratico è rimasto tagliato fuori dalle trattative per le presidenze delle Camere: i dem presenteranno quindi due candidature di bandiera, quella del ministro dell’istruzione Valeria Fedeli al Senato e quella di Roberto Giachetti alla Camera.

24 Mar 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»