Ambiente, Polese (Pd): "Singolare richiesta della Regione Puglia di verificare le acque di Pertusillo" - DIRE.it

Basilicata

Ambiente, Polese (Pd): “Singolare richiesta della Regione Puglia di verificare le acque di Pertusillo”

basilicataPOTENZA – “Trovo alquanto singolare, se non fuori luogo, che il Consiglio della regione Puglia decida in piena autonomia di presentare una mozione per verificare le acque del Pertusillo. Al di là delle scuse del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che si dichiara all’oscuro dei fatti e la cui distrazione di certo non può non essere stigmatizzata, chiedo che tale mozione venga immediatamente ritirata perché offensiva e grave”. E’ quanto afferma il consigliere regionale Mario Polese (Pd), sottolineando che “non è possibile  pensare che una regione vicina ed amica decida di intraprendere azioni così spregiudicate non rispettando il lavoro di Governo regionale ed enti preposti. Coerenza, chiarezza e verità, sono state e continuano ad essere le armi della Regione Basilicata contro la demagogia e a tutela della nostra terra, oggi e sempre”.
“A tutto ciò – prosegue il consigliere – si aggiungono strumentazioni e prevaricazioni verbali gravissime come quella di cui è stato vittima il nostro Presidente nella giornata di ieri a Bari durante la giornata di Coldiretti. L’avergli negato il diritto di replica non è stato solo un atto di censura ma un affronto inaccettabile alle istituzioni presidio di democrazia. È uno sgambetto a gamba tesa da cartellino rosso che non giova al lavoro di collaborazione che i nostri Governi regionali stanno mettendo in campo per risollevare il Mezzogiorno”.
“Dobbiamo – conclude Polese – senza alcuna esitazione, lavorare tutti per riportare il dialogo sul giusto binario che è quello della responsabilità e del buon senso. Lo dobbiamo ai nostri cittadini e alla buona politica delle cose concrete”.

24 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»