AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE calabria

Sanità, Oliverio a Lorenzin: “Servizio sanitario calabrese non è più sostenibile”

B. LorenzinROMA – Si è tenuta questa mattina la prevista audizione del Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, alla Conferenza dei presidenti delle Regioni, per un’informativa sul nuovo Patto per la Salute e un confronto con i Presidenti delle Regioni. Il presidente Oliverio – informa una nota dell’ufficio stampa della Giunta – ha rappresentato al Ministro ed all’intera Conferenza la drammatica situazione in cui versa il Servizio sanitario calabrese.
   “Dopo sette  anni di Piano di rientro dal debito sanitario e di commissariamenti –ha detto il Presidente Oliverio – non è più sostenibile lo stato in cui versa il servizio sanitario calabrese. In questi anni l’offerta sanitaria è via via peggiorata e l’applicazione del Piano di rientro si è dimostrata fallimentare e, ad oggi, non s’intravede nessuna inversione di tendenza. Gli stessi indicatori sui Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) e l’ emigrazione sanitaria passiva confermano il fallimento delle gestioni commissariali. L’emigrazione sanitaria passiva è diventata un vero e proprio fenomeno di massa, anche per patologie di base e media specialità, a riprova del preoccupante grado di sfiducia che riveste il servizio sanitario calabrese. Ciò provoca un costo economico e sociale per le famiglie coinvolte ed un salasso per le casse della Regione. Le stesse previsioni per il 2016 vedono, rispetto all’anno precedente, un ulteriore aumento del fenomeno”.
   Il Ministro Lorenzin, nelle sue conclusioni, ha riconosciuto le condizioni “disperate” che vive il servizio sanitario calabrese, condividendo il fallimento delle gestioni dei Piani di rientro e, a tal proposito, ha annunciato che il suo Dicastero ha già predisposto e trasmesso al Ministero dell’Economia un apposito disegno di legge proprio per il superamento dei Piani di rientro. Su decisione del Presidente della Conferenza, Bonaccini, il Tavolo con il Ministro della Salute sarà riconvocato, per una nuova ricognizione, prima della prossima estate.
24 marzo 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988