AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Emilia-Romagna

A Cesena immigrati in calo, ma in 3800 allo sportello della Prefettura

immigratiCESENA – Sfiorati nel 2014 i 3.800 accessi allo sportello per l’Immigrazione della Prefettura di Forlì-Cesena. Sono stati infatti in tutto 3.799 e il trend si conferma quest’anno con 811 accessi al 12 marzo, una media giornaliera di circa 20 utenti. Dunque, commenta in una nota il sindaco di Cesena, Paolo Lucchi, “individuare uno spazio all’interno del municipio per i servizi offerti dalla Prefettura alla popolazione straniera si è rivelata una scelta valida”. Lo sportello, attivo dal 27 aprile del 2006 nei locali del Comune, fornisce assistenza in materia di immigrazione alla popolazione residente nei 15 Comuni del Comprensorio della Valle del Savio e del Rubicone.

Negli ultimi anni a Cesena la popolazione straniera, dopo un lungo periodo di crescita, è in costante diminuzione. Attualmente è composta da 9.329 persone (il 9,63% del totale dei residenti), contro le 9.510 (9,79%) del 2013 e le 9.784 (10,02%) del 2012, picco massimo della presenza di stranieri in città.

Tornando allo sportello, 1.888 sono stati gli accessi nel primo semestre del 2014 e 1.911 nel secondo, tra le domande più gettonate quelle per ottenere la cittadinanza italiana, per la legalizzazione dei documenti ottenuti su territorio nazionale da far valere all’estero, e attestazioni varie, come il nulla osta al matrimonio e autentiche di patenti. Il 30% delle pratiche consiste invece nella richiesta di informazioni sullo stato del nulla osta al ricongiungimento familiare, la ricezione delle istanze complete della documentazione, le integrazioni documentali e il ritiro finale dei permessi. Circa l’80% delle persone che si rivolgono allo Sportello vive tra Cesena e frazioni vicine, mentre il restante 20% prevalentemente a San Mauro Pascoli, Savignano, Cesenatico, Gatteo e Gambettola.

di Cristiano Somaschini

24 marzo 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988