Bologna calcio, Tacopina lancia referendum sul nuovo stadio

stadio bolognaBOLOGNA – Il presidente del Bologna calcio, Joe Tacopina, lancia un referendum tra i tifosi sul nuovo stadio. E nelle tre opzioni, c’è la realizzazione di un nuovo impianto, nonostante il Comune su questo punto sia stato molto chiaro. Il sindaco Virginio Merola ha ripetuto infatti più volte di essere contrario alla costruzione di un nuovo stadio, promettendo invece procedure e burocrazia veloce in caso di restyling del Dall’Ara. Ma evidentemente, Tacopina vuole sentire anche il parere dei tifosi.

E così, sul suo profilo Facebook e sulla pagina social del Bologna calcio, il presidente americano dei rossoblù lancia un “opinion contest” tra i tifosi, “memore di un metodo di lavoro già sperimentato negli Usa”. Tacopina vuole sapere dai fan “la vostra riflessione riguardo il nostro amato stadio Dall’Ara. Preferireste: un rifacimento strutturale; un nuovo stadio; rifarlo completamente. Fateci sapere la vostra preferenza”.

Nella prima ora dalla pubblicazione del post di Tacopina, si accumulano oltre 150 commenti di tifosi. E, a una rapida occhiata, la maggioranza chiede un rifacimento del Dall’Ara, parziale o completo, bocciando invece l’idea di un nuovo stadio. In particolare, i fan che rispondono a Tacopina sembrano molto affezionati alla Torre di Maratona: in tanti chiedono di mantenerla.

A sommare i vari suggerimenti dei fan del Bologna calcio, la ricetta per rifare il Dall’Ara dovrebbe essere più o meno questa: un restyling che salvi e valorizzi la vecchia struttura in mattoni e la Torre di Maratona, eliminando la struttura in ferro fatta in occasione dei Mondiali di Italia 90, togliendo anche la pista d’atletica e aggiungendo una copertura totale per tutto l’impianto. “Il Dall’Ara è la nostra storia”, ripete più di un tifoso. Anche se non manca chi invoca un nuovo stadio “decentrato con ampi parcheggi”.

di Andrea Sangermano

24 marzo 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»