L’Italia in piazza contro il fascismo: manifestano anche Gentiloni e Renzi

ROMA – È partito intorno alle 14 da Piazza della Repubblica a Roma il corteo antifascista che si concluderà in piazza del Popolo. All’appello di Anpi e sindacati hanno risposto migliaia di cittadini. In prima fila, ad aprire il corteo, i leader sindacali Susanna Camusso e Carmelo Barbagallo. Accanto a loro Carlo Smuraglia, più in là il ministro Maurizio Martina. Pochi minuti dopo è arrivata anche la presidente della Camera Laura Boldrini.

paolo_gentiloni_antifascismoIN PIAZZA ANCHE GENTILONI

È arrivato anche il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni alla manifestazione antifascista di Roma. Il premier ha fatto il suo ingresso direttamente in Piazza del Popolo e si è diretto nel retropalco. Qui ha conversato con le ministre Pinotti e Fedeli e con il ministro Martina. “C’e’ bisogno di sicurezza e legalita’, i valori della costituzione sono un contributo in questo senso e a me ha fatto molto piacere venire qua”, ha detto Gentiloni. Ha poi lasciato la piazza tra gli applausi. 

RENZI: IMPORTANTE ESSERE QUI, TUTTO IL PD C’E’

“E’ importante essere tutti qui. E’ bello che ci sia il presidente del consiglio e la partecipazione di tante donne e uomini. Credo che sia un giorno importante e tutto il Pd c’e'”. Lo dice Matteo Renzi, segretario Pd in piazza del Popolo a Roma.

ORLANDO: PREOCCUPATO DA SOTTOVALUTAZIONE DI ALCUNI PARTITI

“Mi preoccupano i fatti, le parole e il ritorno di vecchi schemi e vecchi simboli. Mi preoccupa soprattutto la sottovalutazione del fenomeno di alcune parti politiche che stentano a prendere nettamente le distanze” dai fascisti. Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, in piazza a Roma, ai microfoni di Tgcom24.

BOLDRINI: SOTTOSCRIVO APPELLO ANPI SCIOGLIMENTO GRUPPI FASCISTI

“Una bella manifestazione, tante persone e tanta voglia di dire no al razzismo e ai neofascismi, era importante ritrovarsi sui valori costituzionali, e’ una bella manifestazione in cui noi abbiamo ricordato i principi importanti e sottoscrivero’ l’appello fatto dall’Anpi per lo scioglimento dei gruppi che si ispirano al fascismo”, è il commento di Laura Boldrini.

“Cosa puo’ fare la politica? Puo’ rispondere in diversi modi riaffermando i principi dell’antifascismo ma anche rispondendo alla rabbia delle persone con politiche che vadano incontro ai loro bisogni, purtroppo invece c’e’ chi mette benzina sul fuoco e crea solo caos. I violenti non si azzardino a usare la violenza in nome dell’antifascismo”, ha aggiunto Boldrini.

GRASSO: TUTTI I RAZZISTI SONO FASCISTI

grasso_antifascismo

“Riguardo la messa fuori legge dei gruppi neofascisti si tratta di procedure che devono prendere il ministro degli Interni e gli organi competenti. Il giudizio politico è che, da parte nostra, tutte le forze razziste vanno considerate fasciste”, ha detto il presidente del Senato Pietro Grasso arrivando alla manifestazione antifascista di Roma.

24 Febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»