Manovra, Martina: “Presidio per la democrazia, il 29 dicembre in piazza”

"Occorre che il PD- dice Martina- tutto si unisca e si apra alla partecipazione di quanti subiranno gli effetti drammatici di queste scelte"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

 ROMA – “In queste ore in Parlamento Lega e Cinque Stelle stanno consumando una rottura democratica, senza precedenti, pericolosa per il paese. Le loro forzature istituzionali e i contenuti della manovra che hanno imposto, oltre ogni normale possibilità di confronto, non possono passare sotto traccia”. Così su Facebook il candidato alla segreteria del Partito democratico Maurizio Martina. 

“Occorre che il PD- prosegue Martina- tutto si unisca e si apra alla partecipazione di quanti subiranno gli effetti drammatici di queste scelte. Nelle università e nelle scuole come nel sociale, nel mondo produttivo come in quello del lavoro. Faccio un appello a tutti i candidati PD perché si promuova insieme per Sabato 29 dicembre prossimo davanti alla Camera dei Deputati un presidio per la democrazia e l’Italia e condivido la proposta di sviluppare questa mobilitazione anche a gennaio nelle piazze con presidi ovunque nel paese. Chiamiamo a raccolta tutte le energie che vogliono costruire un’alternativa popolare a questo governo illiberale e pericoloso per il nostro futuro”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»