A Imola i bimbi regalano 500 giochi ad 'amichetti' in difficoltà - DIRE.it

Emilia Romagna

A Imola i bimbi regalano 500 giochi ad ‘amichetti’ in difficoltà

BOLOGNA – Sono stati oltre 500 i giochi e libri adatti a bambini e bambine dai quattro agli otto anni raccolti nella Casetta di Babbo Natale, posta a fianco dell’albero in piazza Matteotti a Imola. Anche quest’anno, alla sua quinta edizione l’iniziativa di solidarietà “Gioca e rigioca” ha fatto “nuovamente centro”, sottolinea il Comune. A donare i giochi sono stati bambini che hanno scelto di regalarne uno loro nuovo o seminuovo per figli di famiglie di Imola in difficoltà, “affinché il sorriso di ricevere un regalo possa accomunare tutti”.
Fra bambole, costruzioni, giochi vari, peluche e libri i doni sono stati raccolti dall’inizio di dicembre ad oggi; l’iniziativa comunque continua: il 24 dicembre e nel giorno dell’Epifania nella Casetta di Babbo Natale, negli altri giorni all’ufficio Urp (via Appia).

L’iniziativa è promossa dal Comune insieme a Ascom, Confesercenti, Cna e Confartigianato nell’ambito di “ImolANatale”, con il coinvolgimento dei volontari dell’Associazione “Il Ponte Azzurro”, dei Clown di corsia-Cri e dell’associazione “handmade”. Sono stati i rappresentanti di queste associazioni, insieme ai Babbi Natale, ad accogliere i bambini quando si recavano nella Casetta a donare i giochi. Che questa mattina sono stati consegnati dall’assessora alla Cultura, Elisabetta Marchetti a Sanzio Brunori, della Caritas diocesana (accompagnato da Attilia Ferretti, volontaria della Caritas, a Bruno Faldi presidente e a Fulvia Felini, vicepresidente dell’Associazione No Sprechi): provvederanno a farli avere ai bambini di famiglie in difficoltà.
giochi2“Sono molto importanti e belli gesti come questi, di singole persone o famiglie che scelgono di donare i propri giochi a chi è in difficoltà. Questi gesti testimoniano infatti quanto sia vivo nel nostro territorio quel senso di solidarietà che rende una comunità sempre più coesa”, commenta Marchetti.

23 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»