Palermo, sabato e domenica rievocazione della ‘Targa Florio motociclistica’

In un circuito ricavato nel parco della Favorita

Condividi l’articolo:

 

PALERMO – Sono sessanta i partecipanti alla ‘Targa Florio Motociclistica’ che prendera’ il via sabato 24 novembre a Palermo. Si tratta della ventesima edizione, la seconda dopo la nuova versione inaugurata lo scorso anno sulle Madonie, della storica e gloriosa corsa ideata nel secolo scorso da Vincenzo Florio. Un appuntamento di prestigio con le moto d’epoca e con piloti che hanno scritto la storia delle competizioni motociclistiche. Una rievocazione storica dove sfileranno moto prodotte nei primi anni del secolo scorso, fino ad arrivare agli anni 70. I partecipanti arriveranno da tutta la Sicilia ed esporranno le moto sabato al Museo dei Motori della Facolta’ di Ingegneria di Palermo, dalle 9 alle 20. Tra gli appuntamenti previsti anche la proiezione del film ‘I fidanzati della morte’, pellicola sul motociclismo interamente restaurata. Nel Museo dei Meccanismi e dei motori si terra’ anche la proiezione di un cortometraggio inedito delle prime edizioni della gara. I partecipanti prenderanno il via domenica 25, alle 10, dalla Palazzina Cinese: sara’ una partenza a staffetta per poter ammirare moto d’epoca come Guzzi, Laverda, Ducati, Norton e Bmw. Le moto faranno tre giri di sei chilometri all’interno della Favorita. L’evento e’ curato dal Comune di Palermo, dalla Regione Siciliana, dall’Automobile Club Palermo, dall’Universita’ e dall’Asvs (Associazione siciliana veicoli storici).
“L’anno scorso la Targa Florio motociclistica si e’ svolta sulle Madonie con grande successo di pubblico, in attesa di trovare il giusto percorso e riportare su strada la gara vera e propria, quest’anno riparte dalla Favorita che e’ sempre stato il circuito motociclistico sin dal primi del ‘900, per le auto dal ’37 al ’40 – afferma Angelo Pizzuto, presidente Automobil Club Palermo -. Dobbiamo valutare le condizioni stradali, il nostro progetto e’ quello di realizzare una gara come se fosse un Tourist Trophy”. “Un’operazione difficile riuscire a recuperare la ventesima edizione ma la Commissione Motociclistica Aci – afferma il presidente Fausto Torta – ha voluto restituire a Palermo un mito datato 1920, nel rispetto della volonta’ di Vincenzo Florio che voleva che le sue creature non morissero mai, una gara antesignana dell’attualissimo Tourist Trophy”.

Leggi anche:

23 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»