Palermo, sabato e domenica rievocazione della ‘Targa Florio motociclistica’

In un circuito ricavato nel parco della Favorita

Condividi l’articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

 

PALERMO – Sono sessanta i partecipanti alla ‘Targa Florio Motociclistica’ che prendera’ il via sabato 24 novembre a Palermo. Si tratta della ventesima edizione, la seconda dopo la nuova versione inaugurata lo scorso anno sulle Madonie, della storica e gloriosa corsa ideata nel secolo scorso da Vincenzo Florio. Un appuntamento di prestigio con le moto d’epoca e con piloti che hanno scritto la storia delle competizioni motociclistiche. Una rievocazione storica dove sfileranno moto prodotte nei primi anni del secolo scorso, fino ad arrivare agli anni 70. I partecipanti arriveranno da tutta la Sicilia ed esporranno le moto sabato al Museo dei Motori della Facolta’ di Ingegneria di Palermo, dalle 9 alle 20. Tra gli appuntamenti previsti anche la proiezione del film ‘I fidanzati della morte’, pellicola sul motociclismo interamente restaurata. Nel Museo dei Meccanismi e dei motori si terra’ anche la proiezione di un cortometraggio inedito delle prime edizioni della gara. I partecipanti prenderanno il via domenica 25, alle 10, dalla Palazzina Cinese: sara’ una partenza a staffetta per poter ammirare moto d’epoca come Guzzi, Laverda, Ducati, Norton e Bmw. Le moto faranno tre giri di sei chilometri all’interno della Favorita. L’evento e’ curato dal Comune di Palermo, dalla Regione Siciliana, dall’Automobile Club Palermo, dall’Universita’ e dall’Asvs (Associazione siciliana veicoli storici).
“L’anno scorso la Targa Florio motociclistica si e’ svolta sulle Madonie con grande successo di pubblico, in attesa di trovare il giusto percorso e riportare su strada la gara vera e propria, quest’anno riparte dalla Favorita che e’ sempre stato il circuito motociclistico sin dal primi del ‘900, per le auto dal ’37 al ’40 – afferma Angelo Pizzuto, presidente Automobil Club Palermo -. Dobbiamo valutare le condizioni stradali, il nostro progetto e’ quello di realizzare una gara come se fosse un Tourist Trophy”. “Un’operazione difficile riuscire a recuperare la ventesima edizione ma la Commissione Motociclistica Aci – afferma il presidente Fausto Torta – ha voluto restituire a Palermo un mito datato 1920, nel rispetto della volonta’ di Vincenzo Florio che voleva che le sue creature non morissero mai, una gara antesignana dell’attualissimo Tourist Trophy”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»