Roma, ‘Tutto il Tasso agisce’ contro l’occupazione

La contro-occupazione del liceo romano Torquato Tasso prende vita, in risposta alla decisione degli studenti occupanti.

Condividi l’articolo:

ROMA – La contro-occupazione del liceo romano Torquato Tasso prende vita. In risposta alla decisione degli studenti occupanti, che da martedì scorso abitano lo storico liceo classico di Via Sicilia, un gruppo di 150 ragazzi ha organizzato un movimento di protesta parallelo. Questa mattina i non-occupanti si sono riuniti davanti la scuola per leggere il testo ‘Tutto il Tasso agisce’, un manifesto in linea con il l’intento politico dell’occupazione, ma distante dalle sue modalità.

“FACCIAMO PROGETTO ALTERNATIVO CON LA CULTURA”

“Se vogliamo fare un progetto alternativo, facciamolo con la cultura e il dibattito, non rinchiudendoci in una scuola- dice Alessandro, uno degli organizzatori del movimento- questo governo si può combattere solo con l’informazione, lo studio e l’approfondimento“. Così, dopo la lettura del manifesto, i ragazzi si dirigono verso Piazza della Repubblica, dove iniziano a leggere giornali per “manifestare contro la riduzione dei fondi per l’editoria e la svalutazione dell’informazione”. Poi il programma prosegue con la visita al centro Baobab, per aiutare i volontari nella distribuzione dei pasti ai migranti, e terminerà in piazza San Silvestro con la mobilitazione ‘Spegni la miccia’, organizzata dalla cittadinanza romana contro il dl sicurezza in discussione alla Camera. Infine, i dissidenti prenderanno parte al corteo di sabato 24 organizzato da ‘Non una di meno’, per protestare contro il ddl Pillon, la violenza di genere e le politiche del governo.

 “Vorremmo dimostrare che non sono solo i ragazzi che occupano la scuola ad avere un’opinione ben definita- scrivono i non occupanti nel comunicato- Pensiamo che, se si vive sotto un governo xenofobo, sessista e populista, studiare diventi automaticamente una forma di protesta; la traduzione è una forma di ragionamento, di quel pensiero che il governo vuole impedirci giorno per giorno”.

CONTRO-PROTESTA MA NON ‘CONTRO-OCCUPAZIONE’

Una contro-protesta che però non vuole scontrarsi con l’occupazione, perché “il Tasso non deve essere diviso“, dice Ludovico. Una delegazione degli occupanti, infatti, parteciperà alle iniziative promosse dai ragazzi che hanno scelto di rimanere fuori dalla scuola, perché “le idee politiche sono le stesse, cambia solo la forma di protesta” dicono all’unisono occupanti e non. Intanto, all’interno della scuola, si va avanti con lezioni su vaccinazioni e medicina alternativa e, nel pomeriggio, con dibattiti sui concetti di fisica, spazio e tempo. Sabato l’occupazione in ogni caso terminerà e i ragazzi lasceranno l’edificio, rilasciando un documento finale in cui verranno raccontate tutte le attività svolte. Lunedì, invece, si ritorna sui banchi, ma senza abbandonare la protesta, perché “questo è solo l’inizio di una serie di azioni- assicura Mattia, uno degli occupanti- la nostra è una rivoluzione culturale”.

Leggi anche:

23 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»